HONG KONG 100, Jung è sul podio!

a cura della Redazione

 

Sembrava impossible, e invece è  successo: un italiano è riuscito a conquistare il podio in una delle gare più ambite dell’Ultra Trail World Tour. Il merito va a Daniel Jung, altoatesino di Latsch, che dopo il successo alla Transalpine Run 2016 ha deciso di puntare alla classifica nell’UTWT per questo 2017.

A vincere è stato il cinese Yun Yanqiao in 9 ore e 34 minuti ad appena due minuti dal record fatto segnare l’anno scorso da Francois D’Haene.

La partenza a razzo di un gruppo di tredici atleti, fra cui campioni del calibro di Sage Canaday e Didrik Hermansen, non ha spaventato “Dani”, che ha addirittura provato a scappare via al 35° km, presentandosi per primo al villaggio di Hoi Ha.

Ha mantenuto la testa della corsa fino al 50° km, al checkpoint di Kei Ling Ha, ma Yanqiao ha fatto valere la sua perfetta conoscenza del percorso (ha vinto la corsa nel 2013 ed era arrivato quinto nel 2012), sferrando un attacco definitivo sulla terribile salita di Beacon Hill.

Da lì Daniel ha potuto solo difendersi ingaggiando una lotta ravvicinata con Sage Canaday. Alla fine a separarli sono stati solo due minuti, 10 ore e 1 minuto per Jung, 10 ore e 3 minuti per l’americano. C’è da dire, inoltre, che Jung è arrivato a Hong il giovedì sera, e che il venerdì notte è riuscito a dormire solo due ore a causa del jet lag.

hk100 DJ 00

Tra le donne il dominio dell’asso spagnolo Nuria Picas è stato completo: ha vinto in 11 ore e 18 minuti, battendo di 30 minuti il record precedente di Claire Price. Secondo posto per la cinese Linming Chen (11 ore e 53’) e terzo posto per la neozelandese Marie McNaughton (12 ore e 26’). Per capire la crescita anche del livello femminile, basti pensare che nelle sei edizioni precedenti solo quattro atlete erano riuscite a scendere al di sotto delle 12 ore e 30’.

Tanta sfortuna invece per la nostra Lisa Borzani a causa di una caduta al 60° km che l’ha costretta al ritiro.