SPIRITO TRAIL • Muore atleta ucraina
Pagina 1 di 1

Muore atleta ucraina

MessaggioInviato: 20/06/2020, 15:12
da Corry
Assurdo che ci abbiano messo OTTO ore a ritrovarla! :evil:

https://www.runnersworld.it/iron-lady-c ... miglia9429

Re: Muore atleta ucraina

MessaggioInviato: 23/06/2020, 7:24
da Beppogo
R.I.P

Re: Muore atleta ucraina

MessaggioInviato: 24/06/2020, 8:47
da nicola09
In Italia le gare meglio organizzate.
Ricordatevelo

Re: Muore atleta ucraina

MessaggioInviato: 26/06/2020, 8:13
da Marietto
nicola09 ha scritto:In Italia le gare meglio organizzate.
Ricordatevelo


Su questo mi trovi d'accordo e ci possiamo ritenere fortunati....e approfitto per qualche riflessione personale (è un discorso generico e non riferito a questo caso).
Le gare in Italia per motivi di responsabilità, sicurezza, sanità devono necessariamente avere uno standard molto più alto rispetto le gare all'estero e questo, per molti organizzatori, è burocraticamente, logisticamente, psicologicamente e soprattutto economicamente molto più impegnativo e a volte è un deterrente per far nascere una gara o meno.
In molte gare all'estero manco ti chiedono il certificato medico, ti fanno firmare una liberatoria che sembra più un testamento, e via all'avventura con assistenza minimal (o inesistete). Questo può piacere o meno (a me personalmente piacciono queste gare "spartane" ma occorre essere anche consapevoli che se succede qualcosa la macchina organizzativa potrebbe anche non essere così efficiente come lo standard medio delle gare in Italia.).
Questo standard alto italiano ha però "viziato" un pò troppo i runner a tal punto da togliere quasi la responsabilità personale dei runner stessi (che si limitano ad applicare solo il regolamento e pretendono che tutto sia dovuto) e non sviluppando le capacità ed esperienze necessarie nell'andare in montagna (a prescindere che tu sia in gara o meno).
Ho il buon senso di capire che cosa mettermi nello zaino? (a prescindere dal materiale obbligatorio o neno), so valutare le caratteristiche del percorso? Leggere una altimetria? Stimare i miei tempi di percorrenza? Valutare le previsioni e/o le condizioni meteo? Ecc...
Certo è sicuramente più comodo e semplice trovare tutto questo già fatto e permettersi quindi di "non accendere il cervello"...però questo non accresce la tua capacità cognitiva nell'andare in montagna.
Ultima considerazione, nonostante tutto quello che ho scritto sopra un plauso va a tutti quei organizzatori (e i loro volontari) di gare "medio-piccole" italiane che si fanno in 4 per organizzare i loro eventi mossi soprattutto dalla loro grande passione, caricandosi di responsabilità (a volte eccessive) e che molto spesso fanno fatica anche a far quadrare i conti....secondo me sono sempre loro i veri vincitori.

Scusate la divagazione personale su un post che riporta una così brutta notizia.

Re: Muore atleta ucraina

MessaggioInviato: 26/06/2020, 12:03
da Giammab76
Marietto sfondi una porta aperta.... quoto in toto

Re: Muore atleta ucraina

MessaggioInviato: 26/06/2020, 13:47
da gabriella52
Correva l'anno 1975/76. In Italia la parola trail non esisteva.Prendevo il treno romulus o il cisalpino e andavo a correre in Austria,Germania, Svizzera ecc. Montagne e boschi, boschi e montagne.Le varie organizzazioni ci davano la carta dei sentieri, segnavano con la calce qualche bivio e via.Ristori?Haben sie schilling?
Bezhalen bitte!Nicht schilling, nicht wasser!Ho partecipato per quasi vent'anni.Ora che sono invecchiata non lo farei.Un po' di sicurezza e di supporto lo valuto indispensabile.
Natalina

Re: Muore atleta ucraina

MessaggioInviato: 26/06/2020, 14:19
da AndreaPD
Certo, le gare italiane sono spesso meglio organizzate...però ho impressione che la burocrazia richiesta le stia soffocando, è sempre di più e a volte esagerata...come per tutto d'altra parte....

Ciao

A.