Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Anteprime e cronache

Moderatore: maudellevette

Regole del forum
Questa sezione è dedicata alle anteprime e ai racconti delle gare.
Nel titolo scrivete il nome della gara, la provincia e la data di svolgimento.
Avatar utente
andregr81
Messaggi: 595
Iscritto il: 01/10/2012, 7:39
Località: Ultrapadus Mantuanus

Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da andregr81 »

Alle 16.30 circa di venerdì arrivo a Cantalupo: dopo il diluvio trovato alla partenza da casa mia, in Val Borbera splende un caldo sole primaverile e il vento immancabile sta finendo di asciugare i sentieri.
Al ritrovo vedo le solite facce note, minuto dopo minuto il palazzetto dello sport si riempie di gente.
Alle 10 precise, sotto un cielo stellato, tra coreografie colorate di fumogeni rossi, gli oltre 270 temerari della notte si muovono verso la Croce degli Alpini. Al ponticello di Pertuso grande tifo, prima di iniziare il tratto più delicato della corsa. Qualcuno azzarda dei sorpassi nei tratti un po' pericolosi (non vedo che valore aggiunto dia rischiare di farsi male per guadagnare due posizioni nelle retrovie...), finalmente dopo la croce, il sentiero si addolcisce.
Per me tutto bene fino a Roccaforte e al controllo di Costa Salata. Inizio la salita verso il Monte Buio, mi squilla il telefono: è la mia compagna Veronica che mi dà la buonanotte e mi dice "Non ti sta venendo sonno?" e io le rispondo "No no, per adesso sono lucido e sveglio... buonanotte stellina!"
Passano forse 10 minuti... e un tremendo colpo di sonno mi rallenta, per di più la nebbia riduce la visibilità e il freddo si fa sentire. Cerco di tenere duro (avrei dovuto portarmi il thermos col caffé...) nella breve discesa e poi nella salita verso l'Antola. Barcollo... ma non mollo. Arrivo al rifugio sotto la cima, alcuni volontari si sono rifugiati con altri atleti nella chiesetta... mi fermo l' anch'io, piuttosto infreddolito.
Apro e chiudo una parentesi: eravamo una decina di atleti nella chiesetta, sappiamo bene tutti che la chiesa non è certo un luogo di rifugio per teste matte che sfidano la notte, ma in questo caso anche il Nostro Signore era ben lieto di ospitarci... però ho sentito parecchie parolacce!!! Non sono certo io uno di quelli che vanno a messa tutte le domeniche, ma visto che siamo pure sempre in una chiesa, un minimo di rispetto e di educazione.
Mi addormento... mi sveglio dopo un'oretta. E chi mi ritrovo sulla porta? Inchi81, la scopa!!!
Ero già intenzionato a ritirarmi, ma non sono previsti mezzi per il rientro, dato che la strada che sale al rifugio è interrotta. Devo per forza proseguire almeno fino al controllo di Carrega, mi faccio coraggio e insieme alla scopa e ad un altro atleta riparto.
Salendo verso la cima dell'Antola ho freddo, ma mi riprendo in fretta e sembra che anche la crisi di sonno mi sia passata. Quasi quasi provo a proseguire fino a Cosola e perché no... almeno tentare di chiudere il percorso da 70! Ed in effetti sembra che vado tranquillo: ad un certo punto l'altro ragazzo che era con noi si mette a correre e in un attimo sparisce. Io e Inchi procediamo senza correre ma con un passo spedito.
Arrivo a Carrega, la sacca dell'acqua è ancora mezza piena, decido di proseguire e fare poi il pieno a Cosola, dove ho anche lo zainetto col cambio. Ma nel tratto Carrega - Cosola ancora crisi di sonno. Le tre salite in sequenza (Carmo-Legnà-Cavalmurone) mi sembrano l'Everest. Nebbia, vento, freddo e ci si mette pure la pioggia.
Arrivo a Cosola stremato, faccio registrare il passaggio e mi infilo a tutta velocità nel bar. Altro caffé, questa volta con tanto di fagottino alla crema. Comunico il mio ritiro, e decido di restare nel bar in attesa della navetta... peccato, ma si stava così bene al caldo davanti ad una vecchia stufa in ghisa...

P.S.. Nella classifica su wedosport vedo che non sono stato segnato come ritirato, a Cosola avevo comunque comunicato il ritiro allo staff. Manca pure il mio passaggio a Carrega (ma penso che essendo stato registrato a mano forse per questo manca). Vi risulta?
Avatar utente
deeago
Messaggi: 3342
Iscritto il: 10/09/2010, 9:15
Località: MILANO

Re: Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da deeago »

Bravo lo stesso Andrea! Purtroppo le giornate NO arrivano: stanchezza, meteo sfavorevole, etc...
Avatar utente
paoloxyx
Messaggi: 547
Iscritto il: 24/05/2013, 17:16

Re: Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da paoloxyx »

Giornate no??????
Ho iniziato al 20km con una storta.... ma poi fortunatamente il dolore si affievolisce, e tac, dopo 5 km un'altra.... carico di più sull'altra gamba e via di fastidio alla bendaletta!!
Poco prima di Cosola, complice il vento mostruoso ( mai visto una roba del genere neanche sul Bianco), mi distraggo un attimo, ramo in un occhio, fortunatamente niente di grave, ma per mezz'ora fatico ad arrivare a Cosola. Mi cambio, ma ho una mezza intenzione di finire almeno la 70km, e con un po' di freddo in corpo sento la frase che mi da il colpo di grazia < sei giovane, se non ti stai divertendo non ha senso proseguire>....
Volontario?!?!?!?!?!? Io mi ritiro!!!!!!!
Vabbé, ora ho un conto in sospeso....
Porte di pietra, il prossimo anno ci rivedremo ;)
ppf
Messaggi: 31
Iscritto il: 18/05/2012, 11:04

Re: Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da ppf »

Nel 2013 avevo esordito alle Porte di Pietra chiudendo distrutto in 13h:20' (meteo pessimo), e l'anno scorso avevo chiuso freschissimo in 11h:06' (meteo perfetto). Quest'anno il meteo era critico... E ho chiuso in 10h:58', in condizioni pietose!

Partiamo da Cantalupo alle 6:00. Ho dormito pochissimo, sono stanco in generale, ma non piove e ho un sacco di km nelle gambe. La salita alla croce degli alpini ci fa entrare in una bolla di nebbia, vento e freddo che accompagnerà fino al km 60 circa. Ai primi due intertempi il crono è lo stesso dell'anno scorso, però... sulle pietre si pattina, in discesa sono anche caduto steso in avanti (non era ancora successo), ho freddo e i manicotti mi hanno fatto gonfiare le mani. Sull'Antola metto la giacca e mi fermo al rifugio, e lì mi superano in parecchi. Il tratto fino a Capanne di Carrega è bello, ma mi sembra non finire mai. Le gambe cominciano a sentire la fatica, l'alimentazione sembra non andare. Dal terzo ristoro in poi, il meteo peggiora. Il Monte Carmo è avvolto in una nebbia fredda e spessa, da lì in poi cominciano i tratti fangosi dove si pattina. Non mi diverto, la fatica è moltiplicata, a me le condizioni estreme non gasano... Ed è alienante correre senza vedere niente, col vento che tira e ti sferza senza tregua. A Capanne di Cosola ci dicono che il meteo, dopo l'Ebro, migliora. Mi faccio coraggio e riparto, ma ho poche energie e per alcuni km il vento è fortissimo e la nebbia fittissima. Le gambe sono di legno, faccio fatica anche in discesa. Poi, al rifugio Orsi, si accende qualcosa. Il sole esce dalle nuvole, il vento cessa, mangio due biscotti e prendo un caffè zuccherato. Rinasco. Comincio a correre, le energie tornano e cercano di fare andare le gambe di legno. Arrivo benino sul Giarolo, e mi lancio in discesa. La faccio a bomba, pausa caffè ai piani di San Lorenzo, e riparto. La benzina sta per finire di nuovo, ma mi sembra di poter stare entro le 11 ore e tiro come un pazzo fino alla fine. Ce la faccio.

In sintesi: soddisfatto per non avere mollato, ma non mi sono divertito e ho fatto molta più fatica del previsto: poco intelligente, visto il Passatore tra due settimane. Organizzazione straordinaria, come al solito. E rammarico per non aver potuto godere dei panorami, che sono uno dei valori aggiunti di questa manifestazione.
Avatar utente
Corry
Messaggi: 1648
Iscritto il: 05/06/2014, 16:36

Re: Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da Corry »

Le mie prime Porte, la mia prima 70 e i miei primi 4'000 :D
Gara difficilissima e affascinante. Organizzata alla perfezione.
Partiti con la pioggia su un terreno scivolosissimo, passati sulle cime con un vento e un freddo pazzeschi, boschi, prati, rocce, fango, arrivati con il caldo sull'interminabile discesa finale ( e meno male che all'ultimo ristoro mi avevano detto 5km... :twisted: :lol: ).
Parto in controllo e cerco di stare attento a non scivolare nella discesa dalla croce, scendendo verso il secondo ristoro inizio a sentire che mi si sta infiammando l'inserto del femore, mi è già capitato ma non dopo così pochi km e capisco che tutti i miei programmi sui tempi dovranno essere rivisti.... :o
Fino al 50esimo soffro davvero tanto, non riesco a spingere e a rilassarmi nelle discese e sono costretto a salire a ritmo lumaca.
Da lì in poi capisco che i dolori diminuiscono quando lascio andare le gambe e mi godo salite e discese dal Chiappo e Gerolo, mi diverto addirittura lasciandomi scivolare nei tratti ripidi e fangosi come se fossi sulla neve :D .
Spingo fino a dopo l'ultimo ristoro recuperando anche qualche posizioni, poi trovo un compagno con una caviglia dolorante e decido che è inutile continuare a soffrire. Faccio con lui gli ultimi e maledetti km :lol: che mi riportano a Cantalupo. Brividi. Dolori. 12h50'.
Complimenti davvero all'organizzazione, in alto con la nebbia non abbiamo mai avuto dubbi sulla traccia da seguire. Tutti gentili ai ristori distratti anche quando, al 50esimo non si erano accorti che eravamo partiti in discesa sull'asfalto anziché salire sulla sinistra...:lol:. Ottima l'accoglienza nella palestra prima e dopo la gara, docce calde, cena ottima! ;)
Una critica ai partecipanti: ho trovato davvero tanti rifiuti sul percorso, gel usati, cartaccia, fazzoletti ecc, cosa vi costa portarveli in tasca? Almeno fino ai ristori dove c'erano i cestini??!! :evil:
Un suggerimento: per me la partenza alle sei e' davvero scomoda forse una o due ore dopo sarebbe perfetta ;)
Avatar utente
deeago
Messaggi: 3342
Iscritto il: 10/09/2010, 9:15
Località: MILANO

Re: Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da deeago »

Che strage di ritirati!

E davanti gli altoatesini hanno rifilato un bel distacco a tutti.
Avatar utente
atorchia
Messaggi: 362
Iscritto il: 06/09/2010, 12:39
Località: Meda (MB)
Contatta:

Re: Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da atorchia »

Siete stati grandi!!!
Certo le giornate no...capitano a tutti....
Andrea come sai nella mia brevissima esperienza di trail i tratti che mi piacciono di più...che mi rilassano sono quelli in notturna. Alla CCC nonostante la pioggia (e con gli occhiali non è il massimo) il tratto in notturna mi è piaciuto tantissimo... Speriamo che alle Dolomiti dove le notti di corsa saranno due...di non aver problemi!!!
Avatar utente
Dariogrizzly_1981
Messaggi: 651
Iscritto il: 28/05/2014, 6:54
Località: TORINO (TO) - GENOVA (GE)

Re: Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da Dariogrizzly_1981 »

Ciao a tutti,
io ero sul 70.
Gara molto bella e balisaggio davvero super con quelle bandierine rosa.
Penso sia importantissimo avere "segnali" del percorso ogni 200 metri massimo....se uno magari si distrae un attimo e pensa di aver sbagliato basta che procede per poco e trova il nuovo "segnale" oppure torna indietro per poca strada!
Peccato solo per il tratto dalla Croce degli Alpini davvero troppo scivoloso....per il resto sentiero davvero fantastici!
Complimenti all'organizzazione, volontari e soccorso!Zona Monte Carmo penso che la temperatura non superava i 5 gradi.
Arrivato a mezz'ora dall'arrivo ho raggiunto due atleti della 100 che erano stati dirottati sulla 71, mi hanno detto che hanno addirittura beccato dei pezzi dove nevicava...
Confermo i moltissimi gel finiti buttati sul sentiero, davvero penoso...
Un'altra cosa che mi infastidisce parecchio : considerando che sono arrivato 86° mi spiegate come mai quando raggiungi qualcuno sui single track quest'ultima persona non si degna di perdere mezzo secondo e lasciarti passare? Come se si stesse lottando per il 1-2 posto?
Comunque gara davvero bello , brava l'organizzazione!
Ci si rivede l'anno prossimo!
Un saluto al biellese Massimo con il quale ho percorso 47 km circa fino all'arrivo!
Ciao,
Dario
ettoreptt
Messaggi: 548
Iscritto il: 14/09/2012, 8:56

Re: Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da ettoreptt »

tutto bene, tutto bello.

Partito per la 100 ho ripiegato sulla 72 spinto anche dalla deliziosa idea degli organizzatori di mettere cmq in classifica (all'ultimo posto) chi avesse optato per il "taglio".

Così quando dopo il km 50 hanno inziato a raggiungermi i campioni della 72 ho arricchito il bagaglio di esperienze: tutti i big quando mi superavano avevano una parola di incoraggiamento, un complimento, per noi bradipi. Ho apprezzato due cose in paricolare: la serenità e la calma di Rigondanza (terzo assoluto) con cui ho condiviso un fuori traccia che gli ha fatto perdere una decina di minuti: abbiamo cercato insieme la strada e quando lui l'ha trovata è tornato indietro a cercarmi. Poi l'atleta, quarto o quinto in quel momento, che in discesa si è fermato per dirmi che avevo lo zainetto aperto e si è offerto di chiudermelo lui.
Scusate se ho iniziato con queste cose, ma per me sono esempi importanti di quello che è il nostro sport.

Se poi aggiungo che dopo l'arrivo ho dimenticato il portafogli su un tavolo del Palazzetto e prima ancora che me ne accorgessi mi hanno chiamato per restituirmelo (intatto!)...

Per il resto bella giornata, con tanti amici vecchi e nuovi. Assistenza squisita, sorrisi a go go, segnaletica adeguata anche alle condizioni di nebbia fissa. Grazie a tutti.
Grazie a Fabio di Genova che mi ha aspettato in un momento di difficoltà, grazie al solito impagabile Coppetti.
cantal01
Messaggi: 42
Iscritto il: 16/07/2012, 16:44

Re: Le Porte di Pietra (AL) - 15-16.05.2015

Messaggio da cantal01 »

le 100 porte....
gara dal mio punto di vista oramai più che collaudata fino al 72 km... fino al bivio...anche con alcuni miglioramenti da come me la ricordavo nelle prime edizioni... bravi!!!
qualcosa ancora da rodare invece sulla seconda parte della 100..
esempio ....
un circuito un po' ripetitivo lungo il torrente...
la traccia sull'altimetria pubblicata spesso diversa dalla realtà.....
un punto non presidiato pericolosissimo sempre sul greto del torrente prima di Cabella.. c'era il sole quando sono passato io ma sotto la pioggia sarebbe stato il tipico terreno franoso che ti si può aprire sotto i piedi da un momento all'altro con il vuoto sotto.
il kilometraggio è giusto??? mi è parso un qualcosina di più...
in pratica una 100 km che è un successo garantito e che non potrà che crescere e migliorare.
diciamolo.. la salita sulla cresta per la Croce degli Alpini vale solo quello il prezzo da pagare!!!
Rispondi