Crampi sulle gare oltre i 30 km

Preparazione, alimentazione, gestione gara

Moderatore: blackmagic

Kutuzov
Messaggi: 11
Iscritto il: 16/05/2023, 13:13

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da Kutuzov »

biglux ha scritto: 22/05/2023, 18:08 Ciao, un conto è un edema di tipo allergico che spesso si manifesta come un gonfiore fastidioso all’ugola e al palato molle in generale con disfagia (difficoltà a deglutire), un altro è il classico dolore urente al cavo orale tipico delle afte (lesioni mucose ovalari biancastre di origine sostanzialmente sconosciuta) che spesso insorgono in condizioni di stress.
Be ti parlo del mio caso... mi capita sempre e soltanto in gare oltre i 30 km... non è sicuramente una questione di allergia alimentare perchè prendo gli stessi gel e sali anche in gare + corte e questa cosa non mi capita.. solo quando faccio grandi sforzi..
Avatar utente
biglux
Messaggi: 2335
Iscritto il: 28/10/2010, 16:25

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da biglux »

Kutuzov ha scritto: 23/05/2023, 11:06
biglux ha scritto: 22/05/2023, 18:08 Ciao, un conto è un edema di tipo allergico che spesso si manifesta come un gonfiore fastidioso all’ugola e al palato molle in generale con disfagia (difficoltà a deglutire), un altro è il classico dolore urente al cavo orale tipico delle afte (lesioni mucose ovalari biancastre di origine sostanzialmente sconosciuta) che spesso insorgono in condizioni di stress.
Be ti parlo del mio caso... mi capita sempre e soltanto in gare oltre i 30 km... non è sicuramente una questione di allergia alimentare perchè prendo gli stessi gel e sali anche in gare + corte e questa cosa non mi capita.. solo quando faccio grandi sforzi..
Ciao, io ti parlo delle due condizioni più frequenti di “tumefazione” del palato (che vuol dire tutto e niente) che vedo nel mio ambulatorio come otorinolaringoiatra. Nel palato duro le strutture più rappresentate che si possono “gonfiare” sono le ghiandole salivari minori (quando è l’osso “ipertrofico” di parla di torus palatale che è una condizione congenita e sempre presente), nel palato molle oltre a queste ghiandole ci sono anche diversi muscoli.
Kutuzov
Messaggi: 11
Iscritto il: 16/05/2023, 13:13

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da Kutuzov »

biglux ha scritto: 23/05/2023, 19:39
Kutuzov ha scritto: 23/05/2023, 11:06
biglux ha scritto: 22/05/2023, 18:08 Ciao, un conto è un edema di tipo allergico che spesso si manifesta come un gonfiore fastidioso all’ugola e al palato molle in generale con disfagia (difficoltà a deglutire), un altro è il classico dolore urente al cavo orale tipico delle afte (lesioni mucose ovalari biancastre di origine sostanzialmente sconosciuta) che spesso insorgono in condizioni di stress.
Be ti parlo del mio caso... mi capita sempre e soltanto in gare oltre i 30 km... non è sicuramente una questione di allergia alimentare perchè prendo gli stessi gel e sali anche in gare + corte e questa cosa non mi capita.. solo quando faccio grandi sforzi..
Ciao, io ti parlo delle due condizioni più frequenti di “tumefazione” del palato (che vuol dire tutto e niente) che vedo nel mio ambulatorio come otorinolaringoiatra. Nel palato duro le strutture più rappresentate che si possono “gonfiare” sono le ghiandole salivari minori (quando è l’osso “ipertrofico” di parla di torus palatale che è una condizione congenita e sempre presente), nel palato molle oltre a queste ghiandole ci sono anche diversi muscoli.

Il Palato mi si è gonfiato solo la prima volta... mi era venuta una tumefazione sul palato duro... ovale subito molto rossa poi pian piano si è sgonfiata e si è riassorbita.. ma ci ha messo almeno due mesi.. ero andato a farmi vedere perchè subito mi ero preoccupato.. ma neanche il dottore esperto in patologie della bocca ha capito cosa potesse essere.. anche lui ha sospettato un problema di disidratazione o cmq legato allo sforzo... cmq mi aveva rassicurato che non era niente di grave..
contestualmente ho avuto anche dolore deglutire per un paio di settimane..
Adesso come scritto in precedenza alla fine di gare oltre i 30 km per qualche ora ho sempre un pò di dolore nella deglutizione che poi passa...
Avatar utente
biglux
Messaggi: 2335
Iscritto il: 28/10/2010, 16:25

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da biglux »

Non vedo relazioni tra tumefazione del palato duro e odinofagia. Al massimo dopo parecchie ore di sforzo può comparire una disfagia specialmente per i cibi solidi data da un’incoordinazione muscolare da stress, ma il dolore… :shock:
Avatar utente
deeago
Messaggi: 3370
Iscritto il: 10/09/2010, 9:15
Località: MILANO

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da deeago »

Odino...che?? :-D

Anche a me è capitato di avere dolore al palato durante e dopo le gare. Nulla di invalidante, ma ben percepibile. Ti direi nella parte posteriore del palato, quindi prevalentemente palato molle.
Non afta, che è dolore puntuale, ma sembra una specie di infiammazione.
Avatar utente
deeago
Messaggi: 3370
Iscritto il: 10/09/2010, 9:15
Località: MILANO

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da deeago »

cianix ha scritto: 16/05/2023, 16:48 Ecco, qui trovi ampia e documentata discussione:

https://www.spiritotrail.it/forum/topic?p=89784#p89784
mamma che roba! Leggere messaggi di undici anni fa :shock:
Eravamo giovani..
belladitheboss
Messaggi: 102
Iscritto il: 09/05/2020, 10:53

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da belladitheboss »

Kutuzov ha scritto: 21/05/2023, 18:56 Ciao, oggi ho fatto una 50 km... fino al 28° bene.. ero sesto.. poi il crollo a livello muscolare e alla fine ho chiuso decimo...come dici tu e sicuramente una questione che non ho i km nelle gambe.. oggi niente crampi.. ma diciamo che stavano arrivando.. ho calcato il ritmo e sono riuscito a gestirli..
Mi sà che a certe distanze devo rinunciare, non riesco proprio ad allenarle.. e tutte le volte diventa una martirio finire le gare..
non è detto che tu ci debba rinunciare per sempre, il punto è capire quali sono i fattori limitanti e allenarsi in modo da migliorare lì
se voglio migliorare in maratona è inutile che cerco di migliorare le ripetute sui 400 m, se voglio migliorare sui 1500 è inutile che faccia i lunghissimi da 36 km, se voglio preparare gare da 30 km bene e mi accorgo che soffro l'aumentare delle distanze dovrò cercare di essere molto solido su gare da 20-25 km prima e da lì allenare la resistenza ai ritmi di gara
Kutuzov
Messaggi: 11
Iscritto il: 16/05/2023, 13:13

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da Kutuzov »

belladitheboss ha scritto: 03/06/2023, 10:19
Kutuzov ha scritto: 21/05/2023, 18:56 Ciao, oggi ho fatto una 50 km... fino al 28° bene.. ero sesto.. poi il crollo a livello muscolare e alla fine ho chiuso decimo...come dici tu e sicuramente una questione che non ho i km nelle gambe.. oggi niente crampi.. ma diciamo che stavano arrivando.. ho calcato il ritmo e sono riuscito a gestirli..
Mi sà che a certe distanze devo rinunciare, non riesco proprio ad allenarle.. e tutte le volte diventa una martirio finire le gare..
non è detto che tu ci debba rinunciare per sempre, il punto è capire quali sono i fattori limitanti e allenarsi in modo da migliorare lì
se voglio migliorare in maratona è inutile che cerco di migliorare le ripetute sui 400 m, se voglio migliorare sui 1500 è inutile che faccia i lunghissimi da 36 km, se voglio preparare gare da 30 km bene e mi accorgo che soffro l'aumentare delle distanze dovrò cercare di essere molto solido su gare da 20-25 km prima e da lì allenare la resistenza ai ritmi di gara
tra giugno e luglio ho fatto due allenamenti da 50 km.. Sono arrivato alla fine senza crampi.. perciò è chiaro che in gara spingo troppo per le mie capacità attuali.. Sono abbastanza veloce fino ai 30 km, poi le gambe cominciano a cedere.. come dici tu bisognerà allenare per la distanza che si andrà a fare.. perciò resistenza e muscolatura..
Avatar utente
mircuz
Messaggi: 3226
Iscritto il: 26/01/2015, 16:15

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da mircuz »

Rispolvero l'argomento. La scorsa settimana, dopo tanto tempo, ho rimesso il pettorale. Si trattava solo di 20 km, ma al momento l'allenamento questo mi permette...
Partito senza grosse velleità (una volta si correva contro gli avversari, poi contro se stessi, adesso contro gli acciacchi dell'età :( ), stavo bene quindi ho provato a spingere un po'; i battiti erano sotto controllo e la respirazione regolare, ma mi sono trovato a dover rallentare perché sentivo qualche crampetto in arrivo. Forse dovevo prendere un gel in più, ma pur non forzando, sento i muscoli andare in crisi, quando per fiato e voglia spingerei molto di più. Un vero peccato, ma almeno adesso riesco a monitorarmi e correre ai ripari prima che il muscolo si blocchi. Capita anche a voi?
PS da dire che la temperatura era ottimale, quindi non posso dare la colpa alla disidratazione. Nonostante sia stato dimostrato che non c'è una correlazione diretta tra crampi e disidratazione, a me con il caldo arrivano molto più facilmente.
Avatar utente
biglux
Messaggi: 2335
Iscritto il: 28/10/2010, 16:25

Re: Crampi sulle gare oltre i 30 km

Messaggio da biglux »

mircuz ha scritto: 29/04/2024, 13:08 Rispolvero l'argomento. La scorsa settimana, dopo tanto tempo, ho rimesso il pettorale. Si trattava solo di 20 km, ma al momento l'allenamento questo mi permette...
Partito senza grosse velleità (una volta si correva contro gli avversari, poi contro se stessi, adesso contro gli acciacchi dell'età :( ), stavo bene quindi ho provato a spingere un po'; i battiti erano sotto controllo e la respirazione regolare, ma mi sono trovato a dover rallentare perché sentivo qualche crampetto in arrivo. Forse dovevo prendere un gel in più, ma pur non forzando, sento i muscoli andare in crisi, quando per fiato e voglia spingerei molto di più. Un vero peccato, ma almeno adesso riesco a monitorarmi e correre ai ripari prima che il muscolo si blocchi. Capita anche a voi?
PS da dire che la temperatura era ottimale, quindi non posso dare la colpa alla disidratazione. Nonostante sia stato dimostrato che non c'è una correlazione diretta tra crampi e disidratazione, a me con il caldo arrivano molto più facilmente.
Ciao, dopo aver fatto il Covid ho notato un drastico calo della forza muscolare e una comparsa di dolori “tensivi” a polpacci e cosce che prima non avevo mai avuto. Mi spiego meglio: come dici tu cuore e fiato alla grande ma arrivo a un certo punto (specialmente in salita dove prima ero il mio punto “forte”) che devo alzare bandiera bianca. Settimana scorsa ho fatto un vertical (Cornizzolo) e ho dovuto fermarmi più volte per il dolore ai polpacci (non veri crampi). Ieri corsetta collinare niente di che (12 km e 200m+) e nelle brevi salite uno strazio. Sto cercando in letteratura la correlazione con infezione da Covid ma si trova tutto e niente…
Rispondi