Stiamo attenti!

Tutto ciò che è trail!

Moderatore: leosorry

cianix
Messaggi: 1319
Iscritto il: 30/09/2013, 21:29
Località: ridente

Re: Stiamo attenti!

Messaggio da cianix »

deeago ha scritto:
avevo scritto una risposta lunga, ma mi si è cancellata... vabbé.
In sintesi: si guarda sul web per fare tutto, per cui non mi pare che internet sia la causa delle valutazioni errate.
E poi cosa devo argomentare? UN caso che cosa dovrebbe provare? Intervista dieci persone a caso in montagna e chiedi loro dove hanno preso informazioni sulla gita di quel giorno. Ovvio che non fanno notizia, ma ci sono. Dai..
Non sarà la principale ma ha una buona parte di responsabilità. Prima di internet si informava solo chi era interessato a svolgere un certo tipo di attività, e lo faceva in un contesto diametralmente opposto a quello individualistico attuale: cioè ci si parlava, si dialogava, si facevano domande a chi ne sapeva di più. Oggi l'informazione raggiunge tutti, spesso non siamo noi a cercare quello che ci interessa di più, ma la cosa peggiore, lo ripeto una volta di più, è che ci si illude di essere autosufficienti in attività delle quali non si sa nulla. Ma porca miseria, la scorsa estate sono transitato durante una delle mie corse su in un luogo strapubblicizzato della mia regione su fb (con decine e decine di foto e selfie tutte uguali tutti i giorni), e c'era un sacco di gente che saliva vestita come a Lignano (800 metri di dislivello eh) senza neanche uno straccio di zainetto al seguito. E sono strasicuro che questa gente ha visto i post su fb e quando è arrivata su (quelli che sono arrivati), alla prima nuvoletta batteva i denti dal freddo.
Comunque quello che penso io non conta una mazza, ma questo:
"valli e cime sono diventate una delle mete privilegiate per milioni di italiani, molti dei quali per la prima volta hanno scelto di trascorrere le ferie in quota. Una parte – minoritaria – di quest’utenza ha approcciato la montagna senza la necessaria abitudine ad un contesto ambientale molto diverso dalle zone più antropizzate, a volte anche senza una preparazione di base sulle norme di prudenza e prevenzione degli incidenti."
lo scrive il Soccorso Alpino
https://news.cnsas.it/dati-2020-del-soc ... nterventi/
Avatar utente
biglux
Messaggi: 2349
Iscritto il: 28/10/2010, 16:25

Re: Stiamo attenti!

Messaggio da biglux »

https://www.corriere.it/cronache/23_apr ... 9662.shtml

Sicuramente le uscite con pericolo marcato, recenti nevicate ancora in corso, tempo pessimo e visibilità ridotta non aiuta l’autorevolezza delle guide nel bacchettare i turisti che si muovono senza conoscenza, info meteo e mezzi adeguati…
Aspirante Trailer
Messaggi: 25
Iscritto il: 03/07/2023, 10:07

Re: Stiamo attenti!

Messaggio da Aspirante Trailer »

Bisogna fare attenzione in montagna ed i trailer sono tra i più sconsiderati imho, però il problema è semplicemente che se ci va sempre più gente è normalissimo che ci siano anche più incidenti. Tutto qui. Poi ben vengano informazioni e fare prevenzione continuando a battere su sto tasto
Avatar utente
Corry
Messaggi: 2075
Iscritto il: 05/06/2014, 16:36

Re: Stiamo attenti!

Messaggio da Corry »

Non sono d'accordo che i Trailer siano tra i più sconsiderati. Anzi. Solo per la preparazione fisica, i materiali e la conoscenza dei percorsi, il confronto con certa gente che va in alta montagna manco o faccio.
Aspirante Trailer
Messaggi: 25
Iscritto il: 03/07/2023, 10:07

Re: Stiamo attenti!

Messaggio da Aspirante Trailer »

Sconsiderati è la parola sbagliata forse, ma proprio per natura dello sport tendiamo ad essere più 'leggeri' e meno equipaggiati il che secondo me causa molti incidenti. Comunque resto convinto che in generale oggi ci sia molta più conoscenza di una volta, solo che in montagna ci vanno in tantissimi mentre prima era un fenomeno molto più di nicchia
Avatar utente
biglux
Messaggi: 2349
Iscritto il: 28/10/2010, 16:25

Re: Stiamo attenti!

Messaggio da biglux »

Corry ha scritto: 22/01/2024, 10:22 Non sono d'accordo che i Trailer siano tra i più sconsiderati. Anzi. Solo per la preparazione fisica, i materiali e la conoscenza dei percorsi, il confronto con certa gente che va in alta montagna manco o faccio.
Concordo. Da quello che leggo sui giornali spesso chi ci rimane sono gli estremi: gente alla prima uscita senza un minimo di preparazione e cultura della montagna oppure superespertoni che proprio per quello se la rischiano oltre il “normale”.
Rispondi