Corsa e camminata

Preparazione, alimentazione, gestione gara

Moderatore: blackmagic

Avatar utente
biglux
Messaggi: 2339
Iscritto il: 28/10/2010, 16:25

Re: Corsa e camminata

Messaggio da biglux »

Senza voler argomentare con competenze scientifiche che assolutamente non ho, penso che una camminata veloce sia un talento come la corsa in discesa, allenabile ma chi ce l’ha per natura ha un’altra marcia (mia moglie quando passeggiamo mi deve sempre aspettare, nella corsa il contrario). In salita ho sempre notato che faccio meno fatica a corricchiare lento ma frequente, che a camminare veloce con passi lunghi…
Avatar utente
mircuz
Messaggi: 3229
Iscritto il: 26/01/2015, 16:15

Re: Corsa e camminata

Messaggio da mircuz »

Secondo me, dato che intervengono fattori genetici e fisiologici (la lunghezza delle gambe), è una qualità poco allenabile, e, probabilmente, come dice Martin, abbiamo anche poca voglia di spenderci del tempo. Per sopperire alla mia carenza, sto adottando questo sistema: usando i bastoncini, quando spingo con le braccia faccio 3 - 4 passettini di corsa, poi cammino per altri 3 - 4 passi, poi spingo con le braccia e altri passettini di corsa e via dicendo. In questo modo mantengo una andatura "allegra", più veloce della sola camminata, senza alzare troppo i battiti come avverrebbe se corressi continuamente.
Chissà se qualcuno ha calcolato quanti passi in più deve fare, in una maratona, un piccoletto come me, rispetto ad un atleta longilineo, alto 1.80 o 1.90. Chissà se ci sono delle compensazioni nella bassa statura. È anche vero che ci sono atleti piccolini con falcate incredibili!
Avatar utente
AndreaPD
Messaggi: 891
Iscritto il: 21/04/2015, 13:08

Re: Corsa e camminata

Messaggio da AndreaPD »

Confermo Martin....prima di essere runner sono escursionista, e nella parte di camminata non perdo nulla, anzi, rispetto a quelli del mio livello, piuttosto perdo appena si inizia a scendere, soprattutto se la discesa non è tecnica ma corribile.

A volte utilizzo anch'io la tecnica di Mircuz, alternando corsa a camminata ogni qualche passo.

Ciao

A.
Avatar utente
biglux
Messaggi: 2339
Iscritto il: 28/10/2010, 16:25

Re: Corsa e camminata

Messaggio da biglux »

mircuz ha scritto: 07/09/2023, 7:41 Secondo me, dato che intervengono fattori genetici e fisiologici (la lunghezza delle gambe), è una qualità poco allenabile, e, probabilmente, come dice Martin, abbiamo anche poca voglia di spenderci del tempo. Per sopperire alla mia carenza, sto adottando questo sistema: usando i bastoncini, quando spingo con le braccia faccio 3 - 4 passettini di corsa, poi cammino per altri 3 - 4 passi, poi spingo con le braccia e altri passettini di corsa e via dicendo. In questo modo mantengo una andatura "allegra", più veloce della sola camminata, senza alzare troppo i battiti come avverrebbe se corressi continuamente.
Chissà se qualcuno ha calcolato quanti passi in più deve fare, in una maratona, un piccoletto come me, rispetto ad un atleta longilineo, alto 1.80 o 1.90. Chissà se ci sono delle compensazioni nella bassa statura. È anche vero che ci sono atleti piccolini con falcate incredibili!
Non credo c’entri molto l’altezza: Kipchoge è alto 167 cm… :D
Avatar utente
mircuz
Messaggi: 3229
Iscritto il: 26/01/2015, 16:15

Re: Corsa e camminata

Messaggio da mircuz »

Ma Kipchoge corre (anzi vola), non cammina ;)
Avatar utente
biglux
Messaggi: 2339
Iscritto il: 28/10/2010, 16:25

Re: Corsa e camminata

Messaggio da biglux »

mircuz ha scritto: 07/09/2023, 21:18 Ma Kipchoge corre (anzi vola), non cammina ;)
Il discorso era: lunghezza della gamba=ampiezza falcata indipendentemente da corsa/camminata. A parte che non c’è una relazione matematica: posso avere una gamba più lunga ma avere comunque una falcata corta. Inoltre posso avere una gamba più corta ma compensare naturalmente senza particolare sforzo con una frequenza maggiore (caso di mia moglie, più bassa di 10 cm di me ma che mi svernicia puntualmente nella camminata).
simon_91
Messaggi: 229
Iscritto il: 05/04/2017, 9:06

Re: Corsa e camminata

Messaggio da simon_91 »

Mi sorge un quesito.
Probabilmente oltre alla genetica (motore) conta l'efficienza. Credo che per ciascuno c'è una giusta combinazione di frequenza e ampiezza del passo con la quale ad ogni velocità si è più veloci (in relazione anche alla durata). Migliorando questa combinazione migliora l'efficienza.
Ma per migliorarla basta fare pratica?
Come si fa a capire se bisogna allenarsi sulla cadenza o la lunghezza del passo?
Avatar utente
andard
Messaggi: 848
Iscritto il: 16/09/2014, 20:03
Località: lago maggiore
Contatta:

Re: Corsa e camminata

Messaggio da andard »

secondo me i fattori in gioco sono molteplici. Come indica Giorgio Aprà, istruttore di corsa naturale, di cui si possono trovare video su Youtube, se si prende in considerazione il record mondiale di marcia della 50km è di 3:32:33, anche considerando il doppio del tempo per coprire la stessa distanza è comunque un bel passo.
Penso che per migliorare le medie di percorrenza, è più che altro questione di aumentare la cadenza. Magari può aiutare concentrarsi sul potenziamento e mobilità di piedi, caviglie e i tibiali
Avatar utente
martin
Messaggi: 3015
Iscritto il: 03/10/2012, 7:27
Contatta:

Re: Corsa e camminata

Messaggio da martin »

Credo anch'io che è più una questione di aumentare la cadenza che non la lunghezza di passo. Anche perché essendo camminata non c'è la fase di volo, o almeno molto poco, come nella corsa e quindi qualsiasi aumento della lunghezza di passo tenderà verso il "over striding". Cosa che sappiamo è assolutamente negativo nella corsa, anche per via dei infortuni, e credo anche nella camminata (probabilmente meno per il fattore infortuni se non al livello del bacino e tendini frontali fra bacino e gambe).
Avatar utente
Krapotkin
Messaggi: 825
Iscritto il: 01/02/2018, 19:04
Località: Vergate sul Membro

Re: Corsa e camminata

Messaggio da Krapotkin »

Osservando quelli che "vanno" ho notato e subito copiato che loro distendono completamente la gamba, quella che va indietro. Passi veloci ma completi, il ginocchio non resta piegato: si piega, fa il passo e si distende completamente indietro.
Così facendo presumo che lo sforzo venga ben distribuito su tutti i muscoli interessati con i relativi vantaggi.
Rispondi