Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Anteprime e cronache

Moderatore: maudellevette

Regole del forum
Questa sezione è dedicata alle anteprime e ai racconti delle gare.
Nel titolo scrivete il nome della gara, la provincia e la data di svolgimento.
Avatar utente
Offriends
Messaggi: 530
Iscritto il: 10/04/2015, 8:59
Località: Morgex (Ao)

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da Offriends »

VALGRISANCE - COGNE

Sottotitolo: "Il trittico terribile...se passi questi tre colli pensi di essere a buon punto, ma è solo un illusione!"

Esco da Valgrisance soddisfatto e motivato.
Forse per questo metto da parte la concentrazione e l'antipatia...
così comincio a parlare con un ragazzo Irlandese che lavora e vive in Svizzera e ha da poco comprato una casa a Morgex.
Saliamo a buon ritmo, io davanti a fare il passo lui dietro. Parliamo di tutto, dalla politica all'economia...senza nemmeno accorgerci siamo allo Chalet de l'Epee. Comincia a tirare vento e la temperatura percepita scende di brutto. Ci copriamo: guanti, strato caldo, antivento, cappellino. Scherziamo con i volontari, io chiedo se hanno un po' di latte (che non c'è) da mettere nel caffè, loro mi promettono un cappuccino a Rhemes Notre-Dame. Ripartiamo ringraziandoli di cuore: passeranno tutta la notte al freddo tentando di accontentare tanti rompiballe come me, ognuno con la sua piccola grande richiesta.
Sono le 2.30, ora fa veramente freddo, aumentiamo il ritmo per scaldarci.
In un lampo siamo al Col Fenetre (miracoli delle basse temperature)...Greg è abbastanza impressionato dai primi tornanti in discesa. C'è la luna piena e si vede chiaramente la prima parte molto tecnica della discesa e il tratto successivo esposto con le corde di sicurezza. Mi dice di andare avanti, lui preferisce rifiatare. Si risveglia la mia determinazione da gara e inizio a scendere deciso, veloce ma senza esagerare.
La discesa è la mia specialità, molto più della salita, soprattutto quando è tecnica e impestata.
Supero un sacco di concorrenti rallentati dalla paura e dalla stanchezza e alle 5 di mattina arrivo a Rhemes Notre Dame.
Sto proprio bene, non ho sonno, non sono stanco, ho fame.
Benedico mentalmente Andrea, il mio coach, per il programma di allenamento ed Elena, la mia nutrizionista, per la sua strategia alimentare che sta funzionando perfettamente.
mangio e bevo praticamente di continuo. Ai ristori non rinuncio mai al brodo, fondamentale per reintegrare il sodio.
Mi fermo una ventina di minuti e riparto con un ragazzo Argentino per l'Entrelor.
È un piacere parlare con lui della sua bellissima nazione e delle ultra che ci sono in Sud America.
Ora non mi sembra di essere in gara, sono rilassato e felice. Sto facendo un viaggio, un'avventura!
A metà salita però, qualcosa dentro di me non funziona come dovrebbe...è come se il mio motore perdesse giri!
Sento che devo andare in bagno...cerco un posto adatto ma non è facile. Passa più di un'ora prima di trovare il posto giusto.
Lontano dagli sguardi degli altri concorrenti, ma non troppo distante dal sentiero.
Ho trovato il gabinetto perfetto: un ruscello costeggiato da un grosso argine con al centro grosse pietre affiancate.
Praticamente mi siedo tra due pietre come fosse l'asse del Wc...molto meglio di un faticoso squat dietro un albero.
Per finire c'è anche il bidet con acqua corrente incorporata.
Liberarmi del peso in eccesso e indesiderato mi rigenera e riparto a pieno ritmo.
Mi sembra incredibile che la necessità di andare in bagno mi avesse tolto tutte le energie...
Verso le 8/8:30 passo il colle, alle 10.39 sono a Eaux Rousse.
Ci arrivo un po' provato, ho finito le riserve di cibo prese allo Chalet dell'Epee e sono in crisi energetica.
Come ordinato da Elena ho preferito evitare cibi sintetici: barrette e gel.
Il ristoro è ben fornito, una piccola base vita. Praticamente c'è tutto da mangiare: pasta, riso, uova, prosciutto, mocetta, toma.
Un po' mi sento in colpa...ho sentito che nelle retrovie della gara molti ai ristori non hanno trovato quasi niente!
Penso ad Andrea, Augusto e Martin che forse stanno lottando con la mancanza di cibo ai ristori.
Mi fermo più di mezz'ora, ho bisogno di fare rifornimento, oltre a quello che mangio sul posto (un po' troppo),
riempio il mio contenitore da arrampicata (che tengo agganciato alla cintura porta numero) con grosse quantità di prosciutto, mocetta e pane. Inizio la salita al Loson un po' appesantito, ho mangiato troppa pasta e troppo riso.
Sono le 11 del mattino ma fa già caldo...per fortuna la prima parte della salita è nel bosco.
Complice il caldo (mio tallone di Achille da sempre) poco prima di uscire dal bosco, prima del capanno dei guardacaccia,
ho un colpo di sonno. Comincio a barcollare, perdo tutte le energie. Sono insieme ad un ragazzo cinese che è nella stessa
situazione. Anche se non parla inglese e non abbiamo una lingua in comune, basta uno sguarda per condividere la decisione di farci un microsonno: 20 minuti sotto un cespuglio sul bordo del sentiero. Quando suona la sveglia del cellulare mi sembra di non aver dormito neanche un secondo, ma so che non è così. Il cinese mi fa segno che vuole dormire ancora un po'. Io riparto, mi si è riaccesa la foga della gara. Sono in ansia. Temo il caldo della seconda parte della salita e faccio bene. Il sole batte impietoso e anche i camosci e gli stambecchi non si fanno vedere, preferiscono ripararsi all'ombra delle rocce più grandi.
Stremato dal caldo arrivo all'ultimo strappo di 300 metri prima del colle.
Quasi per tutti è il tratto peggiore, per la quota e per la pendenza. Io non soffro la quota, ma il caldo unito alla pendenza, sì.
Ma qualcuno dall'alto mi protegge e si alza improvvisamente un vento freddo che attenua la temperatura percepita e che mi permette di guadagnare senza affanno il colle.
Penso a mio padre, che nel 2018 a 79 anni mi aveva fatto assistenza. Un'esperienza unica e indimenticabile,
anche perché l'anno dopo è stato portato via in soli 2 mesi da un male incurabile.
Sono sicuro, lo sento...da qualche parte nell'universo la sua anima veglia su di me. Quel vento freddo è opera sua!
Passo il colle, faccio il selfie con l'ometto come prova per la raccolta fondi (come farò in tutti i colli) e comincio a scendere con attenzione sul primo tratto esposto e attrezzato con le corde, per evitare il vento che nel frattempo è diventato freddo e impetuoso. Passo il bivacco mobile senza fermarmi...non ho bisogno di liquidi, grazie al mio nuovo zaino Instinct Trail XX20 posso portarmi 4 borracce davanti e non rischio più di rimanere senza niente da bere. Tra l'altro con 4 borracce da 600cl posso avere 4 bevande diverse e variare la scelta: coc cola, acqua e sali, tea, ace, succo...e Genepy (giuro me l'hanno offerto in almeno 2 ristori...ma non ho ceduto!).
Dopo il bivacco elitrasportato la discesa diventa meno tecnica e io comincio a correre senza forzare.
Alle 16:39 arrivo al rifugio Sella. Ho una sete boia e sono stufo di bevande dolci. Chiedo una birra al ristoro (Elena me l'ha vietata, ma è la prima volta che decido di cedere alla tentazione e non rispettare le sue indicazioni), ma la fornitura dell'organizzazione prevede solo acqua naturale, coca cola e sali...
Per fortuna i gestori del Sella che sono persone fantastiche, mi offrono una birra alla spina.
La offrono a me che li conosco, ma anche ad altri concorrenti che mi guardano invidiosi e desiderosi.
La birra ha un duplice effetto rigenerante (se è piccola): reintegra i sali e gratifica la mente e lo spirito!
Uscito dal Sella mi aspetta una delle discese più rognose del Tor, fatta di gradini e gradoni irregolari:
lo storico sentiero reale di Vittorio Emanuele.
Il gestore del Sella mi ha appena detto che l'hanno rimesso apposto e ora è più corribile,
a parte un piccolo tratto. Una bugia a cui decido di credere e che mi fa affrontare l'odiata discesa con uno spirito più positivo.
Chiamo Silvia per avvertirla che sto scendendo dal sella e per le 18:30 circa sarò a Cogne.
Arrivato a Valnontey alla fine della discesa, un bella sorpresa: Silvia mi è venuta incontro per qualche chilometro.
Sono molto felice di passare un po' di tempo con lei e chiacchierare prima di arrivare alla base vita.
Ma non rinuncio alla modalità gara e la obbligo a correre. Arrivati di fronte all'Hotel Bellevue a circa 500 metri dalla base vita,
mi affianca un'auto dell'organizzazione, è Luigi uno dei giudici di gara...è un amico, ma non transige: Silvia si deve allontanare,
altrimenti squalifica. Gli chiedo se scherza, ma quando capisco che non scherza, mi allontano da Silvia
e lo mando bonariamente a fare in culo!...perchè non squalifica quelli che dormono in camper
o si fanno fare assistenza non autorizzata fuori dalle basi vita?!?!
Mi chiedo a cosa servono i nemici con amici così... :lol:
Alla fine entro alla base vita di Cogne alle 18:39.
Appena entro succede la stessa cosa successa a Valgrisance: trovo Tatiana (fortissima concorrente toscana con cui ho condiviso
la 24ore del Monte Prealba). Lei è una forte (ha finito il Tor in 112 e 118 ore).
Senza riflettere, con aria stupita le chiedo: cosa ci fai qui? Sei partita 2 ore prima di me.
Lei mi guarda affranta e mi dice: non sto bene, sono andata in crisi il primo giorno per il caldo alla salita per il Deffeyes.
Ho avuto crampi tremendi...
Di nuovo sono dilaniato da 2 sentimenti contrastanti: la tristezza per lei che non sta bene
e la gioia per averla raggiunta che significa indirettamente che sto andando bene.
Mi sento in colpa per questo ultimo pensiero e mi sentirò ancora più in colpa quando scoprirò
che si è ritirata a Donnas ed è stata ricoverata per una settimana all'ospedale di Aosta.
Silvia mi prende da mangiare e mi prenota un taping ai piedi.
Non ho vesciche, ma preferisco fare una doccia e cambiare le calze e fare un po' di manutenzione al taping.
Mentre mangio mi raggiunge Ettore con una giornalista Californiana che mi fa qualche foto e per educazione anche
qualche domanda, una specie di intervista (solo perché sono uno dei pochi che parla bene l'inglese).
È il mio turno per il taping ai piedi e scopro che ci sono parecchie brande libere e poco rumore.
Decido andando contro tutti i miei principi che posso dormire qui, in base vita.
Questo è il mio primo errore di questo Tor. Saluto Silvia e mi addormento quasi subito.
Passa forse mezz'ora e mi sveglio di soprassalto. Un coglione è inciampato e mi è caduto addosso di peso sulla brandina.
La scarica di adrenalina dovuta al brusco risveglio non mi permette più di addormentarmi.
Sono incazzato nero, nervoso, con i battiti a mille.
Decido di ripartire subito. Esco dalla base vita alle 20:56.
So che ho bisogno di dormire, ma dove?
A Goilles non si può, il rifugio Sogno è chiuso e il Dondena dista da Goilles 16km...(12 secondo l'organizzazione).
Dormire all'aperto non se ne parla, fa troppo freddo.
Troverò una soluzione strada facendo...per adesso sono sveglio come un grillo e incazzato come una iena!!!

Immagine
Immagine
Immagine

(seconda tappa - continua)
Avatar utente
Dariogrizzly_1981
Messaggi: 677
Iscritto il: 28/05/2014, 6:54
Località: TORINO (TO) - GENOVA (GE)

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da Dariogrizzly_1981 »

Offriends ha scritto: 02/10/2022, 13:52 VALGRISANCE - COGNE


Sono le 11 del mattino ma fa già caldo...per fortuna la prima parte della salita è nel bosco.
Complice il caldo (mio tallone di Achille da sempre) poco prima di uscire dal bosco, prima del capanno dei guardacaccia,
ho un colpo di sonno. Comincio a barcollare, perdo tutte le energie. Sono insieme ad un ragazzo cinese che è nella stessa
situazione. Anche se non parla inglese e non abbiamo una lingua in comune, basta uno sguarda per condividere la decisione di farci un microsonno: 20 minuti sotto un cespuglio sul bordo del sentiero.


Mi sa che ti ho visto dormire a bordo sentiero allora! Ricordo il cinese e un altro ragazzo che dormiva vicino che probabilmente eri tu.



Uscito dal Sella mi aspetta una delle discese più rognose del Tor, fatta di gradini e gradoni irregolari:
lo storico sentiero reale di Vittorio Emanuele.


Che strano come, a seconda del momento e magari della stanchezza, vediamo i sentieri in modo diverso. Io che nelle discese tecniche sono scarso l'ho trovata tranquilla quella per scendere a Cogne dal rifugio Sella.
Avatar utente
Offriends
Messaggi: 530
Iscritto il: 10/04/2015, 8:59
Località: Morgex (Ao)

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da Offriends »

Grazie per il ragazzo...
ormai sono 55!
Avatar utente
cesaretto
Messaggi: 722
Iscritto il: 06/09/2010, 14:09

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da cesaretto »

Corry ha scritto: 01/10/2022, 9:41 Guardando e riguardando la classifica ho notato una cosa che mi ha molto infastidito.
A che ora ufficialmente è stato chiuso il passo del Malatrà?
Perché io sono arrivato al Frassati prima delle 3’30 e ci hanno chiaramente detto che il passo era chiuso da tempo e la gara sospesa.
Infatti c’è gente arrivata una o due ore prima che si è fermata lì.
Però c’è qualcuno che è passato fino a poco prima di me e addirittura due concorrenti, un italiano e un francese che sono passati alle 3’33 e sono poi arrivati a Courma. Probabilmente erano attaccati al nostro gruppo. Ma come è possibile?
Se la gara era ufficialmente sospesa e il passo chiuso come hanno fatto a passare?
Le cose sono due. O non c’era al Frassati un’autorità in grado di “ordinare” ad un concorrente di fermarsi e quindi eravamo tutti liberi di fare quello che volevamo, cosa per me gravissima. Oppure questi concorrenti sicuramente e probabilmente anche qualcun’altro, non hanno rispettato il regolamento, cosa comunque grave e pericolosa, e andrebbero squalificati.
Io ancora non riesco a comprendere come mai abbiano continuato a far ripartire concorrenti da Bosses fino alle 6 , quando come mi confermi tu già dalle 3,30 si capiva che il Malatrà era inagibile.
Avatar utente
martin
Messaggi: 2789
Iscritto il: 03/10/2012, 7:27
Contatta:

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da martin »

"comincio a parlare con un ragazzo Irlandese che lavora e vive in Svizzera e ha da poco comprato una casa a Morgex."
"Greg è abbastanza impressionato dai primi tornanti in discesa."

Anch'io ho fatto un pezzo di strada con Greg - salita al Entrelor - e poi anche più avanti ma non mi ricordo dove. Si vede che si è fermato per un po' a Rhemes.
Anche'io mi sono impressionato dai primi tornanti del Col Fenetre - soprattutto dopo i primi 100m quando il mio frontale ha segnalato che stava per diminuire la luminosità (modalità risparmio batteria). :o

"Penso ad Andrea, Augusto e Martin che forse stanno lottando con la mancanza di cibo ai ristori."

Grazie per averci pensato ma ti posso assicurare che abbiamo sempre potuto mangiare bene e abbondante. ;)

"Uscito dal Sella mi aspetta una delle discese più rognose del Tor, fatta di gradini e gradoni irregolari:
lo storico sentiero reale di Vittorio Emanuele.
Il gestore del Sella mi ha appena detto che l'hanno rimesso apposto e ora è più corribile,
a parte un piccolo tratto."
Io sono rimasto malissimo per quel sentiero. Aspettavo di scendere lungo il sentiero singletrack nel bosco, invece nulla. Erano almeno 10 anni che non scendevo dal Sella senza la neve e non l'avevo mai visto o sceso da questo vecchio/nuovo sentiero. L'ho trovato terribile.
Avatar utente
augusto losio
Messaggi: 1344
Iscritto il: 06/09/2010, 7:59

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da augusto losio »

"Penso ad Andrea, Augusto e Martin che forse stanno lottando con la mancanza di cibo ai ristori."

uè, ciccio pasticcio, avevi poca roba da mangiare perché io e martin avevamo scofanato tutto visto che ti avevamo superato senza che te ne accorgessi.
poi tua moglie ci ha detto che te la saresti presa a male, e allora ti abbiamo fatto passare davanti (sempre a tua insaputa).
che cosa non si fa per gli amici...
Avatar utente
Offriends
Messaggi: 530
Iscritto il: 10/04/2015, 8:59
Località: Morgex (Ao)

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da Offriends »

augusto losio ha scritto: 03/10/2022, 12:20 "Penso ad Andrea, Augusto e Martin che forse stanno lottando con la mancanza di cibo ai ristori."

uè, ciccio pasticcio, avevi poca roba da mangiare perché io e martin avevamo scofanato tutto visto che ti avevamo superato senza che te ne accorgessi.
poi tua moglie ci ha detto che te la saresti presa a male, e allora ti abbiamo fatto passare davanti (sempre a tua insaputa).
che cosa non si fa per gli amici...
Come sei permalosa...
Avatar utente
Offriends
Messaggi: 530
Iscritto il: 10/04/2015, 8:59
Località: Morgex (Ao)

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da Offriends »

martin ha scritto: 03/10/2022, 11:21 Anch'io ho fatto un pezzo di strada con Greg - salita al Entrelor - e poi anche più avanti ma non mi ricordo dove. Si vede che si è fermato per un po' a Rhemes.
Ho notato che aveva qualcosa che non andava in cima al Fenetre!
Avatar utente
Corry
Messaggi: 1744
Iscritto il: 05/06/2014, 16:36

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da Corry »

augusto losio ha scritto: 03/10/2022, 12:20 "Penso ad Andrea, Augusto e Martin che forse stanno lottando con la mancanza di cibo ai ristori."

uè, ciccio pasticcio, avevi poca roba da mangiare perché io e martin avevamo scofanato tutto visto che ti avevamo superato senza che te ne accorgessi.
poi tua moglie ci ha detto che te la saresti presa a male, e allora ti abbiamo fatto passare davanti (sempre a tua insaputa).
che cosa non si fa per gli amici...
Fa il finto preoccupato per gli amici ma in realtà si scofanava di tutto (si portava via pure il cibo dai ristori) così da lasciarvi a secco per paura della vostra rimonta!
:lol:
Avatar utente
augusto losio
Messaggi: 1344
Iscritto il: 06/09/2010, 7:59

Re: Tor Des Geants (Ao) 11.09.2022

Messaggio da augusto losio »

à la guerre comme à la guerre.
ma sai quante volte mi viene da debalisare il percorso?

comunque.
adesso, dopo un tor vissuto molto ma molto bene, capisco chi scrive di non voler tornare per il timore di sporcare un bel ricordo con una seconda edizione magari non all'altezza.
ecco, per me SAREBBE STATA la stessa cosa.
solo che quei 20km finali gridano il mio nome.
quindi, nonostante tutto, ci voglio riprovare.
Rispondi