Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Preparazione, alimentazione, gestione gara

Moderatore: blackmagic

Avatar utente
martin
Messaggi: 2648
Iscritto il: 03/10/2012, 7:27
Contatta:

Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da martin »

"La teoria della finestra aperta" (Open Window Theory)

The 'open window' theory is characterised by short term suppression of the immune system following an acute bout of endurance exercise. This window of opportunity may allow for an increase in susceptibility to upper respiratory illness (URI).
La teoria della "finestra aperta" è caratterizzata dalla soppressione a breve termine del sistema immunitario a seguito di un periodo acuto di esercizio di resistenza. Questa finestra di opportunità può consentire un aumento della suscettibilità alle malattie respiratorie superiori (URI).

Mi sembra un argomento piuttosto valido in questo momento. Come scritto sopra la teoria è che a seguito di un allenamento o gara la nostra sistema immunitaria diventi debole e permette l'attacco da parte di patogeni e batteri. Io, come penso la maggiore parte di voi, ho sempre accettato questa come verità. E da un certo punto di vista sembrerebbe anche logico. Ci stanchiamo, ci sentiamo deboli e quindi la sistema immunitaria soffrirà anche lui di stanchezza e debolezza.
Ma certamente dal punto di vista evolutivo non avrebbe molto senso. Un organismo che dopo una sforza prolungato, magari per scappare da un pericolo o ricerca di cibo o acqua, si esponesse ad attacchi dalla parte di malattie non avrebbe molto possibilità di evolvere. Però eccoci, i nostri antenati sono riusciti a vivere, procreare e fare arrivare a noi i loro geni.

Però ............ Un mio atleta mi ha attirato l'attenzione su questa ricerca. E una Meta-Analysis, cioè un'analisi delle maggiore parte di ricerche fatto su un dato argomento. E anche un ricerca piuttosto recente (2018) quindi ha avuto poco tempo per essere assimilato e discusso dalla parte della comunità medica, sopratutto quello di base che, ahimè, hanno gli studi pieni e tempo limitato.
"Debunking the Myth of Exercise-Induced Immune Suppression: Redefining the Impact of Exercise on Immunological Health Across the Lifespan."
https://www.readcube.com/articles/10.33 ... 2018.00648

Penso che pochi di voi avrete la voglia o tempo per leggere tutto l'articolo. Ma niente panico - mi sono sacrificato io :lol:
Molo stringato - dal punto di vista fisiologica/chimica i due autori propongono che ci sono prove limitate di questo soppressione immunitarie e che l'evidenza potrebbe anche indicare un aumentato livello immunitario piuttosto che abbassato.
E che in generale l'esercizio ha un effetto di protezione sulla sistema immunitaria e non di danneggiamento.

C'è da dire che i studi sul quale questo lavoro sono basati ci concentrano su persone giovane, generalmente in buona salute e con una stato di "fitness" molto buono. Un po' come la maggiore parte dei utenti del forum. Sarebbe forse azzardato estendere questo pensiero a "popolazioni diversi".
Ho anche letto qualche critica di questo studio proprio su questo punto.

Un altra cosa sui cui credo sia importante soffermare è che il concetto di endurance è molto variegato. Per alcuni potrebbe essere una corsa di 10-20km, per altri (come noi matti) si estende a distanze superiore a 50km e tempi oltre 8 ore (per stare con i piedi per terra). Non credo che questo è stato considerato dagli autori.

NB. (questa critica dello studio ho letto da qualche parte ma non lo trovo più)
Viene considerato che il stress in generale, quello dovuto allo stile di vita, può avere un effetto amplificatore sulla soppressione della sistema immunitaria. Cioè dormire poco, mangiare male, soffrire disidratazione può portare ad una situazione di soppressione. Sono sicuro che l'autore di questa critica non stava pensando a Ultra Trail ma è esattamente quello che succede in una delle nostre amate gare.

Sono interessato di sapere cosa pensate voi in proposito.
Avatar utente
Corry
Messaggi: 1522
Iscritto il: 05/06/2014, 16:36

Re: Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da Corry »

Io credo sia realistico che dopo allenamenti molto intensi eo molto lunghi ci sia un momento in cui siamo più indifesi. Allenamenti o gare stressanti, così come periodi della vita stressanti possono favore l’insorgere di malattie. E non solo respiratorie.
Interessante il punto di vista evolutivo. Io mi immagino che dopo la lunga caccia i nostri antenati si prendessero una altrettanto lunga pausa per mangiare, bere e procreare.
Avatar utente
Lorenzo78
Messaggi: 612
Iscritto il: 25/05/2014, 20:34

Re: Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da Lorenzo78 »

Anche io giusto l altro ieri mi ero interessato alla cosa. C'è un video di endu che gira dove un dottore racconta il rapporto virus sport.
praticamente dice che si, dopo sforzi eccezionali il sistema immunitario abbassa le difese per un periodo, che dopo lo sforzo rimanere coperti e farsi subito una doccia calda... E dice anche che gli sportivi han un fisico meno soggetto a beccarsi virus e più abile a gestirli. Io non son un dottore però a logica ed esperienza personale ci sta...
son pur sempre statistiche comunque, nessuno può esser immune al 99/100 perc
Andre105
Messaggi: 38
Iscritto il: 17/03/2019, 18:28

Re: Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da Andre105 »

Quando fai una gara hai appagamento, fai una cosa che ti piace. Lo stress causato dalla vita (intesa come routine, problemi da risolvere, sempre di fretta) non è paragonabile allo stress da gara. Quindi, laddove la testa lavora in un certo modo e 'agisce' il sistema immunitario si rafforza, quando la testa subisce e 'reagisce' le difese si abbassano. È la mia modesta opinione. Mai avuto un raffreddore o un influenza da quando corro per i monti e pratico yoga (gli ultimi 20 anni).
Avatar utente
AndreaPD
Messaggi: 800
Iscritto il: 21/04/2015, 13:08

Re: Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da AndreaPD »

Molto interessante, grazie Martin...

Dell'argomento si discute assai in rete, a partire dal paziente uno, 38 anni, sportivo, che si è beccato il Corona dopo una mezza, a distanza breve pare da un'altra mezza, e che è finito in rianimazione....

Dal punto di vista scientifico sono plausibili tutte le teorie...fino a quando una non viene smentita dai dati raccolti!

Vediamo se questa brutta situazione ci aiuta almeno a capire qualcosa di più anche su questi aspetti....

Ciao

Andrea
Avatar utente
mircuz
Messaggi: 2907
Iscritto il: 26/01/2015, 16:15

Re: Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da mircuz »

Credo che le evidenze scientifiche riguardo il fatto che un livello di stress molto alto abbia come conseguenza un abbassamento delle difese immunitarie siano ben documentate (che la causa sia un divorzio o una garetta di 100 km importa poco). Per stare negli aneddoti riferiti alle nostre esperienze personali, la massima espressione della mia allergia è coincisa con l'interruzione di un rapporto di lavoro, e un mio conoscente che lo scorso anno si stava allenando intensamente si è beccato lo Zicha (quell'infezione trasmessa dalle zanzare). Avevo letto uno studio qualche giorno fa, ma non so se riesco a ripescarlo, in cui si evidenziava una maggiore esposizione alle malattie infettive da parte di che faceva troppo poco o troppo tanto sport, mentre chi praticava un esercizio fisico medio aveva difese immunitarie rafforzate. Per quanto riguarda il discorso evolutivo, i cacciatori- raccoglitori non avevano una vita molto faticosa, mentre la fatica intensa e le molte ore di lavoro sono subentrate quando si è passati ad una economia basata sull'agricoltura (in questa società si è verificata la divisione in classi sociali, per cui c'era chi comandava e dirigeva, il politico, il guerriero, e il povero lavoratore della terra, semplificando!).
Quindi, cari ultratrailer, riposatevi, se volete rimanere sani ;)
il nik
Messaggi: 16
Iscritto il: 02/04/2019, 16:10

Re: Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da il nik »

Negli articoli che ho letto (mi occupo di EBM per lavoro), parlano di endurance quando si sale sopra l'ora di allenamento al di sopra del 60% della frequenza cardiaca massima.
Non mi sono ancora fatto un'idea precisa, lascio due considerazioni:
1. in qualche modo l'attività sportiva influisce sul funzionamento del sistema immunitario, vedi per esempio il fatto che è provato che di fronte a malattie autoimmuni l'indicazione dei clinici sia di fare più sport possibile;
2. casi come quello del paziente 1 possono avere una spiegazione più "banale" rispetto a teorie come quella dell'open window: io penso che se il virus c'è già in gola e polmoni, e andiamo a respirare affannosamente per lungo tempo aria molto più fredda dei tessuti delle vie respiratorie, in quel lasso di tempo il virus riceve un boost importante mentre le difese immunitarie sono in recessione. Se hai la sfiga di bastonare le tue difese immunitarie proprio nel momento decisivo in cui sono chiamate a fermare l'invasione, la situazione precipita. Questa mia ipotesi combacia col fatto che quando si parla di infezioni opportunistiche negli sportivi si parla sempre di malattie del tratto respiratorio, mai di problemi di altro tipo.
Potrebbe quindi essere un banale problema di respirazione di aria fredda.
Avatar utente
Corry
Messaggi: 1522
Iscritto il: 05/06/2014, 16:36

Re: Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da Corry »

Io per adesso sto adottando la strategia di non fare allenamenti che mi stressino molto. Ad esempio ieri ero un pochino stanco perché sabato ho fatto 21km. In teoria avrei voluto farne altrettanti ma mi sono limitato ad una decina in leggera progressione. Oggi riposo così spero di recuperare completamente e domani prima mi farò un’autoanalisi poi deciderò.
In ogni modo sospendo i lunghissimi in montagna, quelli che mi fanno stare fuori più di 4/6 ore, perché penso che un pochino mi debilitino.
Se arriva e facilmente arriverà facciamoci trovare almeno pronti ;-)
Avatar utente
deeago
Messaggi: 3339
Iscritto il: 10/09/2010, 9:15
Località: MILANO

Re: Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da deeago »

Argomento attualissimo!

Io mi ammalo spesso dopo una gara tirata in cui mi sono spremuto a fondo. So che non è EBM, ma aneddotica, per cui come tale va presa.
In questi giorni, cerco di non stressarmi più del dovuto e di correre meno, anche se sono bloccato e isolato nel paesello di montagna.

Io sono per zero contatti umani per cui corro meno, con prudenza, rigorosamente da solo e dalla porta di casa: sto caxxo di virus sta già facendo troppi danni per contribuire anche io alla diffusione.
Avatar utente
mircuz
Messaggi: 2907
Iscritto il: 26/01/2015, 16:15

Re: Open Window Theory (Sistema Immunitaria)

Messaggio da mircuz »

il nik ha scritto:Negli articoli che ho letto (mi occupo di EBM per lavoro), parlano di endurance quando si sale sopra l'ora di allenamento al di sopra del 60% della frequenza cardiaca massima.
Non mi sono ancora fatto un'idea precisa, lascio due considerazioni:
1. in qualche modo l'attività sportiva influisce sul funzionamento del sistema immunitario, vedi per esempio il fatto che è provato che di fronte a malattie autoimmuni l'indicazione dei clinici sia di fare più sport possibile;
2. casi come quello del paziente 1 possono avere una spiegazione più "banale" rispetto a teorie come quella dell'open window: io penso che se il virus c'è già in gola e polmoni, e andiamo a respirare affannosamente per lungo tempo aria molto più fredda dei tessuti delle vie respiratorie, in quel lasso di tempo il virus riceve un boost importante mentre le difese immunitarie sono in recessione. Se hai la sfiga di bastonare le tue difese immunitarie proprio nel momento decisivo in cui sono chiamate a fermare l'invasione, la situazione precipita. Questa mia ipotesi combacia col fatto che quando si parla di infezioni opportunistiche negli sportivi si parla sempre di malattie del tratto respiratorio, mai di problemi di altro tipo.
Potrebbe quindi essere un banale problema di respirazione di aria fredda.

Ci si ammala anche in estate, quindi la teoria dell'aria fredda in questo caso non regge, o comunque è relativa ad una percentuale dei casi registrati, certo non ne comprende la totalità.
Rispondi