Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Anteprime e cronache

Moderatore: maudellevette

Regole del forum
Questa sezione è dedicata alle anteprime e ai racconti delle gare.
Nel titolo scrivete il nome della gara, la provincia e la data di svolgimento.
Avatar utente
baidus
Messaggi: 522
Iscritto il: 05/09/2010, 20:45
Località: Grenoble, Francia

Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Messaggio da baidus »

Rieccomi con un'altra gara più o meno sconosciuta, in un'area altrettanto sconosciuta!
Il GR73 si corre nel massiccio dei Bauges, a Cruet in Savoia, a mezz'ora da Grenoble e un'ora da Bardonecchia.

73km e 4800m D+, non male per una gara a inizio la stagione. Da notare che i ben informati parlano di un ristoro con pollo arrosto e patate fritte :lol: .

Insomma, se cercate una gara a inizio stagione a un prezzo ultra competitivo (73euro), fateci un pensiero!

https://www.grandraid73.fr/
Mayer
Messaggi: 49
Iscritto il: 12/02/2020, 22:01

Re: Gran Raid 73 (Savoia, Francia, 28/05/2022)

Messaggio da Mayer »

Avevo puntato la distanza più corta, i 23 km, l'hai per caso già fatta?
E' una bella gara?
Avatar utente
baidus
Messaggi: 522
Iscritto il: 05/09/2010, 20:45
Località: Grenoble, Francia

Re: Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Messaggio da baidus »

Ciao Mayer, scusa ho visto solo ora il messaggio. Io non l'ho mai fatta, quindi non ti so proprio dire, mi dispiace!
Avatar utente
marco_
Messaggi: 134
Iscritto il: 02/05/2012, 12:18
Località: Zug (Svizzera) / Cornuda (TV)

Re: Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Messaggio da marco_ »

Ciao baidus,
ho fatto questa gara nel 2019, come preparazione alla LUT (era 5 settimane dopo credo).
Io arrivo dalla Svizzera quindi non era troppo lontana neanche per me.
Il Massif de Bauges lo definirei l'equivalente dell "prealpi" da noi. Niente neve a fine maggio, almeno nel 2019. La massima altezza nella 73 è 2000m circa, la montagna più alta è molto vicina in linea d'aria al fondovalle (sud di Chambery).
Come panorami la gara di per sé non è super spettacolare, ma se vi piacciono le gare minori questa fa per voi. Credo fossi l'unico non francese a partecipare...
Il ristoro con pollo arrosto e patate fritte non me lo ricordo... ma per quanto riguarda i ristori io non faccio testo... ;) Per la sera prima era fornito uno sconto in un ristorante convenzionato (l'unico del paese probabilmente).
Link alla gara con qualche foto: https://www.strava.com/activities/2397727368
Avatar utente
baidus
Messaggi: 522
Iscritto il: 05/09/2010, 20:45
Località: Grenoble, Francia

Re: Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Messaggio da baidus »

Ciao MArco, grazie mille per il tuo resoconto. Hai ragione, la zona é un po' come le Prealpi, non é spettacolare come altre zone ma ha il vantaggio di avere poca neve a maggio ( si spera!) e se è una bella giornata una gran vista dalle cime (si spera di nuovo!).

Se per caso decidi di tornarci fammi sapere!
Avatar utente
baidus
Messaggi: 522
Iscritto il: 05/09/2010, 20:45
Località: Grenoble, Francia

Re: Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Messaggio da baidus »

Ciao,

Nel weekend in cui gli occhi di tutti erano puntati a Zegama due ragazzi del forum erano alla partenza di questa giretto da 73km e 5100m+, peccato non esserci visti Augusto!.

La gara é bella, abbastanza spartana e selvaggia (5 ristori, ma uno con pollo, salsicce e patatine fritte...un sogno!) per cui bisogna aver voglia di viaggiare in autonomia. La zona era nuova per me anche se dista solo 40 minuti da casa. I panorami sono belli, con vista sul lago di Annecy, sulla catena della Belledonne e sul resto delle cime dei Bauges e molti tratti in foresta, devo dire che mi ha ricordato un po' l'Antico troi degli Sciamani ma molto più ripida!

Chiusa in 12h30, speravo di satre sotto le 13 ore per cui sono proprio contento
Avatar utente
augusto losio
Messaggi: 1291
Iscritto il: 06/09/2010, 7:59

Re: Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Messaggio da augusto losio »

stasera ne scrivo (preparatevi, sarà una roba lunga).
baidus, io ormai sono vecchio e incartapecorito, ma un tempo come il tuo è stato veramente da sballo.
anche perché il dislivello c'era tutto, e distribuito in maniera assassina.

una cosa però la anticipo: pietro ha portato a casa la sua prima ultra a 17 anni.
credo che, pur non dandolo a vedere, abbia qualche megatone di subbugli che gli stanno scuotendo le viscere.
Avatar utente
baidus
Messaggi: 522
Iscritto il: 05/09/2010, 20:45
Località: Grenoble, Francia

Re: Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Messaggio da baidus »

augusto losio ha scritto: 31/05/2022, 13:58
baidus, io ormai sono vecchio e incartapecorito, ma un tempo come il tuo è stato veramente da sballo.
grazie! :)

Pietro davvero bravo, io a 17 anni col cavolo che mi sarei fatto tutte ste ore per monti!

Per quanto riguarda il dislivello, io ai 46km avevo il garmin che mi dava 4600m+, abbastanza impegnativa come prima parte di gara, altro che quei pelandroni a Zegama :lol:
Avatar utente
augusto losio
Messaggi: 1291
Iscritto il: 06/09/2010, 7:59

Re: Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Messaggio da augusto losio »

Ho solo due gambe.
È un bene dato che da dicembre a tre settimane fa sono stato in ballo prima con uno stiramento al polpaccio uno, poi contrattura al polpaccio due.
Finite le gambe insomma.
Sinceramente non mi aspettavo una gara simile: come già scrisse Baidus, un dislivello (per me almeno) decisamente monstre.
La cosa più kattiva? L’ultima salita era su 5 km per 1100 mD+. Ma la roba divertente (lo stesso divertimento che ti prende quando ti trapanano un dente, e magari era quello sano) è che gli ultimi 300 m D+ stavano tutti belli compressi nell’ultimo km.
Certo, c’è sempre di peggio. Tipo quando il figlio, stanco di arrancare dietro a due momentaneamente più lenti, piglia la direttissima e li supera.
Io lì, che lo guardo salire e non ho lo stesso coraggio.

Leit motiv della giornata, Pietro che finisce la sua prima ultra.
Con tanto di infortunio negli ultimi 13 km, passo ridotto, lui che procede infilzando l’infilzabile con le bacchette mentre impreca cose che un padre (mater certa, pater semper incertus…) dovrebbe stoppare sul nascere.
E mi sono rivisto alle mie prime esperienze, quando non vedevo l’ora che il supplizio finisse. Fino a quei classici 3-4 km finali, mentre capisci che ce l’hai fatta e che questo è davvero tutto tuo.
Rivivere certe esperienze guardando la schiena di tuo figlio e ascoltandone i discorsi sconnessamente entusiasti, beh è una sensazione che mischia i due ingredienti che rendono la vita degna di essere vissuta: orgoglio e stupidità.

Momenti?
Salita e io che dico a un volontario che al mio paese quella era l’ora dell’aperitivo. Quello mi offre una bottiglietta in acciaio con una grappa leggera alle erbe, e io capisco che alla mia età posso ancora essere follemente innamorato.
Ristoro, entro nella palestra e vedo il paradiso: un cartoccio pieno di roba da scartare e buttare, ma sono croste impolverate di formaggio. Mi butto e lascio che i miei succhi gastrici pensino alle conseguenze. Gnam.
Quando chiedo al 40esimo dove sta il pettorale 290, mi dicono che è passato più di due ore fa. Ciao Baidus, ciao che magari ci vediamo NON la prossima volta ma magari nella prossima vita.
Quando all’ultimo ristoro mi ricordo di chiamare la moglie in poco lieta apprensione. Faccio il numero e passo il telefono a un volontario pescato a caso. Che me lo restituisce. Giustamente, chi è causa del peccato pianga sé stesso.
Sapete che cosa fa ridere i francesi? Quando un italiano scatarra un “Porca miseria!”. Strano, ma l’espressione è prodromica di una risata a cuore aperto.

Infine, la gara.
Assolutamente da consigliare e da fare, dura, ma dura, ma dura.
Si è capito? No? DURA.
Organizzazione a dire poco impeccabile. Volontari che a ogni ristoro conoscevano chilometraggi, pendenze e altimetria a memoria, se volevi soffrire bastava chiedere.
Un clima bello e partecipato, gente sorridente, coinvolta e coinvolgente.
Balisaggio perfetto e una (da me) apprezzata poca presenza sul sentiero se non dove realmente necessario. Quindi lunghi tratti senza volontari, ma tratti dove i volontari non servivano in quanto – appunto – TRAIL.
Bellissima esperienza.

p.s. compreso il viaggio dalle 23 alle 5 per tornare a casa in auto, Pietro dormiva e io mi sentivo Samuele Bersani.
Ciao. Miao. Bau.
Avatar utente
baidus
Messaggi: 522
Iscritto il: 05/09/2010, 20:45
Località: Grenoble, Francia

Re: Gran Raid 73 (Francia) 28.05.2022

Messaggio da baidus »

Dopo aver letto il racconto mi dispiace ancora di più non esserci visti!

La prossima volta che sconfini fatti sentire che ci organizziamo meglio!
Rispondi