Tabella per maratona in inverno.

Preparazione, alimentazione, gestione gara

Moderatore: blackmagic

Avatar utente
Corry
Messaggi: 2022
Iscritto il: 05/06/2014, 16:36

Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da Corry »

Ciao, preso dallo sconforto di non riuscire più a correre in scioltezza, ovviamente in piano, nemmeno a 5 min/km, ho rispolverato una vecchia tabella per la maratona e, dopo quasi 8 anni, ho ricomprato un paio di scarpe stradali.
Sarebbero 4 mesi. Pensavo di provare a seguirla da novembre a febbraio.
Utile? Inutile? Cagata galattica? Vincerò la CCC?
Jacopo
Messaggi: 101
Iscritto il: 03/08/2019, 12:35
Località: Vicenza
Contatta:

Re: Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da Jacopo »

Questa la mia esperienza: l’ho fatto l’inverno scorso. Tre mesi di preparazione, lunghi fino ai 36km a ritmo maratona, e poi in Febbraio ho anche corso due maratone Fidal con PB a 3:23 (ho 55 anni e il bitume lo concepivo solo come door to trail).
Quando il 19 Marzo ho corso l’Ultrabericus 100km mi sembrava di volare e ho chiuso la gara fresco e contento come non mai.
Quindi per me la strategia ha funzionato, inizialmente in città mi annoiavo, poi trovando buoni percorsi extraurbani, mi sono divertito anche.
Con molta probabilità lo rifarò anche quest’anno.
Avatar utente
Corry
Messaggi: 2022
Iscritto il: 05/06/2014, 16:36

Re: Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da Corry »

Bene Grazie.
Io ho un PB di 3’27 a Torino, tra l’altro corsa sotto ritmo per inesperienza, ma è un pochino lontana…nel 2012 :D :mrgreen:
Oggi 6km sotto i 5. Fatichissima e battiti alle stelle :lol:
Avatar utente
biglux
Messaggi: 2310
Iscritto il: 28/10/2010, 16:25

Re: Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da biglux »

Gli anni scorsi ho sempre preparato una maratona primaverile con un blocco di allenamenti specifici a partire dal 1 Gennaio (3 mesi circa): molto più veloce in tutto, gambe più sciolte, meno infortuni e nei trail “volavo”. Adesso che esco quasi sempre solo al lento sono spesso infortunato e le salite che prima correvo adesso arranco!
Avatar utente
grigua
Messaggi: 322
Iscritto il: 02/10/2014, 10:32
Località: Genova

Re: Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da grigua »

Corry ha scritto: 07/10/2022, 13:28 Ciao, preso dallo sconforto di non riuscire più a correre in scioltezza, ovviamente in piano, nemmeno a 5 min/km, ho rispolverato una vecchia tabella per la maratona e, dopo quasi 8 anni, ho ricomprato un paio di scarpe stradali.
Sarebbero 4 mesi. Pensavo di provare a seguirla da novembre a febbraio.
Utile? Inutile? Cagata galattica? Vincerò la CCC?
Se è una cagata la facciamo in due... :lol:
Ho una pista di atletica a due minuti da dove lavoro, ma l'ho sempre schifata. Beh, ieri ho fatto la fidelity card e da stasera inizio. Anche io portato dallo scarso rendimento e fatica che sto riscontrando in questi periodi (probabilmente post covid di Luglio, da cui mi sa non mi sono ancora ripreso). Vediamo come và .
belladitheboss
Messaggi: 86
Iscritto il: 09/05/2020, 10:53

Re: Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da belladitheboss »

ciao, io ho appena corso una maratona alla fine della mia stagione su trail, ho anticipato perchè il 5 agosto sono diventato papà e il 6 agosto avevo l'ultimo trail cui ero iscritto, mentre il 2 ottobre c'era una maratona (con tanto sterrato) proprio a 10 km da casa, qui nel basso lodigiano.
io l'ho preparata in 8 settimane (minimo sindacale togliendo tutte le settimane superflue dalla tabella e tutto il periodo preparatorio) e credo che questo fosse possibile per una serie di motivi:
- la maratona era per più di metà su sterrato anche se con pochissimo dislivello, principalmente argini o falsopiani di pianura lungo i fiumi/canali
- ho già corso 3 mezze maratone su asfalto preparandole bene e a buon ritmo
- quest'anno ho iniziato con 2 mesi di blocco per corse campestri, seguiti da 2 mesi per preparare un trail di 25 km, seguiti da 2 mesi e mezzo per un trail da 50 km, seguiti da 2 mesi per un trail di 20 km, la maggiorparte delle gare era comunque su percorsi abbastanza veloci e con lunghi tratti corribili
nonostante preferisca di gran lunga la preparazione della mezza (richiede più o meno la stessa fatica fisica ma molta meno fatica mentale) devo dire che preparare una maratona in un tempo per me buono (circa 2,2 volte il mio personale in mezza, considerando che la mezza era con percorso e meteo perfetti mentre la maratona era con meteo più caldo e percorso non veloce direi che è molto buono alla prima maratona) è stata una esperienza molto interessante
ritengo inoltre che preparare gare piatte dove non puoi mentire a te stesso, nel senso che se inizi a correre 10-15-30 secondi più lento del ritmo gara vuol dire per forza che hai gestito male la gara partendo forte, mentre nel trail spesso troviamo altre scusanti (le salite, l'alimentazione, i dolori muscolari...) ti insegni a percepire molto bene il livello di sforzo del tuo corpo e a gestirti meglio in gara (vale per la maratona ma vale anche per la mezza, anche se è una gara che è molto più vicina a un 10 km come velocità e grandezze fisiologiche impiegate: se parti troppo forte per una mezza non te ne accorgi al 10° km, ma te ne accorgi tra il 15° e il 18°, e lì non hai alibi)
simon_91
Messaggi: 215
Iscritto il: 05/04/2017, 9:06

Re: Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da simon_91 »

...Premetto che ho fatto una gara da 5500 mD+ in giugno (massimo disli mai fatto).. e che non ho potuto fare la cortina trail per covid.. per l'incazzatura e sperando che mi possa aiutare a migliorare la velocità sui trail sto preparando la maratona di venezia
mai seguito tabelle fino a due mesi fa, ma devo dire che è allo stesso tempo stressante e divertente, in ogni caso una faticaccia
spero di star sotto le 3 ore e 30, ho fatto un test domenica con una mezza in 1ora 35' e 30'' (primi 10 km però troppo forti, mal gestita), ma non credo di avere già i 5 min/km nelle gambe per 42k purtroppo
in ogni caso anche se ora corro poco in montagna vedo che in certi percorsi son già migliorato, anche se la fatica in salita va "ri-abituata"
tutto ciò per dire che non sei l'unico corry :P
simon_91
Messaggi: 215
Iscritto il: 05/04/2017, 9:06

Re: Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da simon_91 »

ah nella premessa intendevo che ho fatto la gara da 5500 in un tempo troppo lungo per me e anche questo ha contribuito all'incazzatura :D
Avatar utente
mircuz
Messaggi: 3191
Iscritto il: 26/01/2015, 16:15

Re: Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da mircuz »

A mio parere fare una preparazione invernale di tipo stradista è un'ottima cosa, magari mettendoci dentro un po' di dislivello (ripetute in salita) in modo da tener pronti i muscoli per la salita, ma soprattutto per la discesa. Se non siete più dei giovincelli (come il sottoscritto), state attenti a non forzare troppo nei ritmi veloci perché l'infortunio è in agguato. Quelli forti che conosco qui della zona lavorano molto su strada e pista, soprattutto nei periodi di transizione tra una stagione di gare e la successiva, mentre nel periodo poco prima e tra una competizione e l'altra, molto meno. In questi periodi fanno lavori più specifici per il trail e qualche richiamo di velocità.
belladitheboss
Messaggi: 86
Iscritto il: 09/05/2020, 10:53

Re: Tabella per maratona in inverno.

Messaggio da belladitheboss »

io lo scorso anno ho dedicato il periodo tra metà ottobre e inizio dicembre a preparare una mezza (avevo fatto l'ultima gara di trail a inizio ottobre)
poi fine dicembre, gennaio e inizio febbraio dedicata a preparare le campestri inserendo garette di trail molto corte (un 12 km e una 3h su circuito da 3,5 km a staffetta con un giro a testa) come medi, e facendo già alcuni allenamenti su percorsi collinari con poco dislivello molto veloci sempre come lenti o come medi
questi due blocchi sono serviti per migliorare il motore (la mezza richiede una buona soglia anaerobica, una buona capacità di stare a ritmi vicini alla soglia anaerobica per molto tempo e anche buone doti aerobiche) e per il potenziamento a velocità alte (le campestri con i loro strappetti e i cambi di direzione su fondo morbido richiedono buone doti anaerobiche ma anche di forza specifica)
fatto questo mi son preso un blocco di due mesi per preparare un trail da 25 km molto corribile (circa 1000 D+ senza tratti tecnici) nel quale ho fatto un tempo più di 10' più veloce di quello che pensavo avrei potuto fare, quindi anche io concordo che una preparazione di gare su strada sia molto utile per tanti motivi
poi essere polivalenti per un amatore secondo me è un plus, anche per stare meglio: dare al corpo tanti stimoli diversi ma in blocchi ben specifici (anche se non a compartimenti stagni) serve per essere più in forma in un senso generale
ovvio bisogna saper periodizzare perchè fare allenamenti per una gara da 5 km assieme a lunghi per una gara da 50 potrebbe portare il corpo a non rispondere bene agli stimoli e ad infortunarsi
Rispondi