Supermaratona dell'Etna (CT) 10.06.2023

Anteprime e cronache

Moderatore: maudellevette

Regole del forum
Questa sezione è dedicata alle anteprime e ai racconti delle gare.
Nel titolo scrivete il nome della gara, la provincia e la data di svolgimento.
Rispondi
Avatar utente
spiritotrail
Amministratore
Messaggi: 699
Iscritto il: 25/10/2010, 8:58

Supermaratona dell'Etna (CT) 10.06.2023

Messaggio da spiritotrail »

Comunicato stampa

10 giugno: 2 gare che proiettano sulla luna e un’organizzazione che non lascia nulla al caso

SUPERMARATONA DELL’ETNA:

43K E SUPER ROUNDTRIP DI 14.5K


14 ristori a km zero con prodotti tipici del territorio come mandorle di Avola e pesto di Bronte



Linguaglossa (Catania) – Il prossimo 10 giugno si corre la Supermaratona dell’Etna, la corsa di 43 chilometri, che parte dal mare, da Marina di Cottone (Catania), e arriva sulla cima del più alto vulcano attivo d’Europa, l’Etna.

Un evento organizzato da Etna Trail A.S.D., giunto alla sedicesima edizione, che ogni anno fa correre runners provenienti da ogni parte d’Italia e del mondo, attirati dall’unicità della manifestazione.

Si tratta, infatti, di una corsa tutta in salita, con la maggior parte del percorso che si sviluppa su asfalto e gli ultimi 10 chilometri totalmente sterrati incorniciati da uno scenario extraterrestre. Ma non solo, alla partenza si scorge l’arrivo, con il vulcano imbiancato che sembrerà lontanissimo. E allo start la temperatura sfiorerà i 30 gradi per poi arrivare in vetta e ritrovarsi a 5-8 gradi sopra lo zero. Insomma un viaggio lungo poco più di una maratona tra le stagioni che dall’estate, strada facendo, porterà i concorrenti in pieno inverno.

14 RISTORI A KM ZERO CON PRODOTTI TIPICI DEL TERRITORIO: DALLE MANDORLE DI AVOLA AL PANE DI GRANI ANTICHI DI SICILIA, FINO AI VINI DELL’ETNA. E CI SONO ANCHE I RISTORI “VOLANTI” SULLE APECAR

Un evento molto speciale che non lascia nulla al caso, così che i ristori sono tutti a chilometro zero, come ci spiega il prof. Nino Vecchio, dell’Istituto alberghiero di Giarre e vice presidente di Etna Trail ASD: “14 i punti di ristoro che offrono i nostri prodotti tipici: dalle mandorle di Avola, ai formaggi che si producono qui. E poi paste di nocciola, siamo in collina e abbiamo tanti noccioleti, ma anche pane fatto con i grani antichi di Sicilia, olio extravergine d’oliva, pesto di pistacchio verde di Bronte, e meloni e anguria sempre di nostra produzione. Persino l’acqua è nostra, presa da una sorgente naturale alimentata dalla neve sciolta e trasportata, il giorno della gara, in grandi contenitori dai quali i concorrenti potranno attingere servendosi della propria borraccia o bicchiere. Abbiamo bandito le bottigliette di plastica e siamo plastic free perché non vogliamo generare inutili rifiuti. Con il ristoro finale post gara che vede i vini dell’Etna e la birra dello Stretto”.

Non saranno presenti solo punti di ristoro nei diversi paesi, ma anche ristori “mobili” allestiti su apecar: “Avremo degli apecar che faranno la spola avanti e indietro lungo il percorso distribuendo acqua e sali minerali a tutti i concorrenti per assicurarsi che strada facendo restino ben idratati”.

I ristori, grazie alle “aziende amiche” locali Etna Trail che da anni collaborano con l’organizzazione (se ne contano una settantina), sono sempre molto ricchi e rispecchiano la gastronomia e le tradizioni del luogo.

Tra le aziende spiccano La Contea che conta un’ampia gamma di vini che profumano di lava, e Favole Siciliane che offre vini siciliani, olio evo fatto con olive selezionate prodotte su terreno vulcanico a 750 metri di altitudine, e poi marmellate e confetture, come la confettura extra di fichi, e la Campagnola fatta con cipolle, miele di Zagara Nerello Mascalese IGP e le mandorle.

Insomma una gara che è un connubio tra sport, natura e gusto, che intende regalare a tutti i partecipanti e loro accompagnatori un’esperienza indimenticabile e unica.

LA SUPER ROUNDTRIP DI 14.5 KM, DI CORSA TRA VECCHI E NUOVI CONI VULCANICI E MAESTOSE COLATE LAVICHE

Per chi non avesse nelle gambe 43 chilometri, potrà partecipare alla gara “sorella”, la Super RoundTrip di 14,5 chilometri, totalmente off-road, che ripercorre l’ultimo tratto della Supermaratona, ovvero da Piano Provenzana a quota 1800 metri, tra viste mozzafiato e paesaggi lunari, tra nuovi e vecchi coni vulcanici e maestose colate laviche, all’Osservatorio Etneo. Per poi scendere veloce verso il traguardo lungo i canaloni di sabbia vulcanica.

La manifestazione è patrocinata dalla Regione Siciliana Assessorato Turismo Sport e Spettacolo, Città Metropolitana di Catania, e con la collaborazione di ACSI, CAI Linguaglossa, Comune di Castiglione di Sicilia, Comune di Fiumefreddo di Sicilia, Comune di Linguaglossa, Comune di Piedimonte Etneo, Parco dell’Etna, e Pro Loco di Linguaglossa. E con il fondamentale contributo di Favole Siciliane e La Contea.

Per informazioni e iscrizioni si rimanda al sito web: www.etnatrail.it
Avatar utente
Corry
Messaggi: 2022
Iscritto il: 05/06/2014, 16:36

Re: Supermaratona dell'Etna (CT) 10.06.2023

Messaggio da Corry »

Bello, avrei qualche perplessità solo sulla data. Se si becca la giornata sbagliata e ci sono 30 gradi? Non potrebbero organizzare in primavera o autunno?
Squalo
Messaggi: 12
Iscritto il: 02/08/2019, 13:06

Re: Supermaratona dell'Etna (CT) 10.06.2023

Messaggio da Squalo »

stessa mia perplessità, ma pare che quando inizi il caldo si è già sufficientemente in quota (e in altri periodi dicono che non è possibile causa troppa neve).
Avatar utente
Boborosso
Messaggi: 359
Iscritto il: 17/01/2020, 15:12

Re: Supermaratona dell'Etna (CT) 10.06.2023

Messaggio da Boborosso »

Per esperienza di chi l'ha già fatta, salendo è indispensabile vestirsi. Si parte con la maglietta ma bisogna coprirsi prima della cima. Sul percorso l'organizzazione ti fa trovare la tua borsa con il cambio.

Vedremo come andrà tra 10 giorni alla cursa dei ciclopi, visto che passano sull'etna e arrivano a quota 2800
belladitheboss
Messaggi: 86
Iscritto il: 09/05/2020, 10:53

Re: Supermaratona dell'Etna (CT) 10.06.2023

Messaggio da belladitheboss »

ho fatto l'etna trail a luglio del 2018, in quota il caldo non si sente, c'è praticamente sempre vento, il problema è la disidratazione perchè appunto non sentendo il caldo si tende a bere poco
Rispondi