Biosensore glucosio Libre Sense

Preparazione, alimentazione, gestione gara

Moderatore: blackmagic

Rispondi
Avatar utente
leosorry
Messaggi: 7746
Iscritto il: 05/09/2010, 9:13

Biosensore glucosio Libre Sense

Messaggio da leosorry »

Ho avuto modo di testare il biosensore Libre Sense della Abbott, l'azienda farmaceutica che vanta una grande esperienza nei sensori di monitoraggio continuo del glucosio per le persone che soffrono di diabete. Questo sensore invece è destinato agli sportivi.

Ecco come è andato il test.

https://spiritotrail.it/blog/materiali/ ... e-le-crisi

In tutta sincerità: per i miei standard di spesa è un accessorio davvero troppo costoso, però mi ha davvero sorpreso. In quei 14 giorni mi ha insegnato parecchio sul mio metabolismo e sui (tanti) errori alimentari che commetto giornalmente (ho scoperto di avere una tendenza per niente sana ad avere un livello di glicosio troppo elevato..)
Avatar utente
mircuz
Messaggi: 2907
Iscritto il: 26/01/2015, 16:15

Re: Biosensore glucosio Libre Sense

Messaggio da mircuz »

Molto interessante! Certo, se uno non ha problemi di salute da monitorare, il costo è molto alto. Magari in futuro troveranno un sistema più economico.
Avatar utente
leosorry
Messaggi: 7746
Iscritto il: 05/09/2010, 9:13

Re: Biosensore glucosio Libre Sense

Messaggio da leosorry »

mircuz ha scritto:Molto interessante!
Davvero, e lo dico da uno che era scettico. Ma la vecchia massima del "Se non lo puoi misurare non lo puoi migliorare" è proprio vera. Capisco che per un top runner che affronta un ultra trail o una 24 ore è uno strumento "scientifico" davvero utile.
argento
Messaggi: 284
Iscritto il: 03/04/2014, 9:15

Re: Biosensore glucosio Libre Sense

Messaggio da argento »

Grazie, interessante. Ma non ho capito, sembra esserci un piccolo ago, o rimane superficiale sulla cute?
Avatar utente
leosorry
Messaggi: 7746
Iscritto il: 05/09/2010, 9:13

Re: Biosensore glucosio Libre Sense

Messaggio da leosorry »

argento ha scritto:Grazie, interessante. Ma non ho capito, sembra esserci un piccolo ago, o rimane superficiale sulla cute?
Sì, c'è un ago (a occhio e croce un paio di millimetri), proprio per poter misurare meglio possibile la concentrazione del glucosio nel sangue.
Avatar utente
Offriends
Messaggi: 409
Iscritto il: 10/04/2015, 8:59
Località: Morgex (Ao)

Re: Biosensore glucosio Libre Sense

Messaggio da Offriends »

C'è un ultratrailer Cristian con il diabete (ha fatto il Tor e lo SwissPeaks dove è arrivato 17esimo assoluto) che lo usa da diversi anni (la versione per uso medicale).
Sul suo blog ci sono un sacco di informazioni interessanti (un po' complesse):
http://diabetenolimits.com/attivita/tor ... ants-2019/
http://diabetenolimits.com/attivita/swisspeaks-360/
Avatar utente
ensere
Messaggi: 244
Iscritto il: 10/01/2016, 15:48

Re: Biosensore glucosio Libre Sense

Messaggio da ensere »

leosorry ha scritto:
argento ha scritto:Grazie, interessante. Ma non ho capito, sembra esserci un piccolo ago, o rimane superficiale sulla cute?
Sì, c'è un ago (a occhio e croce un paio di millimetri), proprio per poter misurare meglio possibile la concentrazione del glucosio nel sangue.

Mio figlio (diabetico di tipo 1) ha usato il Libre versione medicale per svariati anni prima di passare ad un sensore per il monitoraggio continuo della glicemia interfacciato al microinfusore dell'insulina.

In realtà l'aghetto serve solo da guida per il filamento metallico flessibile che poi rimane nel sottocute. In fase di inserzione l'ago "spara" dentro il filamento e poi viene retratto e gettato insieme all'applicatore.
Avatar utente
mircuz
Messaggi: 2907
Iscritto il: 26/01/2015, 16:15

Re: Biosensore glucosio Libre Sense

Messaggio da mircuz »

In modo particolare chi fa gare lunghe, come molti di noi, rischia di sviluppare un problema di salute legato all'attività fisica svolta, di questo dobbiamo essere coscienti. Al di là dei vari problemi di tipo "meccanico", (menischi, cartilagini, bandellette...), rischiamo di farci male dal punto di vista metabolico. E' un po' un controsenso che la pratica sportiva peggiori la nostra salute, ma molto spesso è così. Già esserne coscienti è un passo avanti, se poi si potesse misurare questo problema, sicuramente sarebbe una buona, anzi, buonissima cosa! Certo il costo è alto, anche perché credo che avrebbe senso fare un monitoraggio abbastanza continuativo, e non una tantum per una singola gara. Se uno non ha problemi seri di salute oppure non è un professionista, mi pare difficile da praticare.
Rispondi