Vaccino e allenamenti

Preparazione, alimentazione, gestione gara

Moderatore: blackmagic

cianix
Messaggi: 1194
Iscritto il: 30/09/2013, 21:29
Località: ridente

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da cianix »

portnoy ha scritto:
Corry ha scritto:CVD

https://www.gazzetta.it/Calcio/Bundesli ... 2513.shtml
Io leggo che un calciatore non vaccinato si è infettato di Covid e sta guarendo.
Scusa, ma io invece leggo che un giocatore che ha rifiutato di vaccinarsi ecc. ecc.
Mi sembra che la sostanza cambi e non di poco.
Dopodiché le motivazioni personali del calciatore non le conosco, posso solamente immaginarle.
Avatar utente
martin
Messaggi: 2681
Iscritto il: 03/10/2012, 7:27
Contatta:

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da martin »

mircuz ha scritto:................................... bisogna vaccinarsi per il bene comune.
Questa è l'unica frase di cui bisogna tenere conto. Non ci si vaccina per proteggere si stesso (anche) ma soprattutto per proteggere la comunità e per debellare la trasmissibilità del virus.

Tutti i discorsi dei No Vax che inevitabilmente cadono su argomenti prettamente individuali oppure su fantomatici soppressioni della libertà (loro, non quelli degli altri) sono delle cagate assurde.

Scusatemi ragazzi ma sono stufo di sentire i loro argomentazioni puerili e egoisti. :evil:
Avatar utente
martin
Messaggi: 2681
Iscritto il: 03/10/2012, 7:27
Contatta:

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da martin »

biglux ha scritto:[ Posso dimostrare incontrovertibilmente che tutti quelli che hanno assunto il Brufen prima o poi moriranno. :lol:
E se si va a leggere il bugiardo del Brufen (che io utilizzo quando occorre) ma anche del semplice aspirina si rende conto che, come dice mirco, - "il rischio zero non esiste".
Ricky69
Messaggi: 175
Iscritto il: 16/07/2013, 20:21

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da Ricky69 »

Anche oggi su Repubblica si parla di vaccino e casi di miocardite soprattutto sviluppata in individui di giovanissima età.La comunità scientifica nn nasconde le notizie ma
continua a studiare x avere maggiori informazioni.Gli stessi cardiologi raccomandano cmq il vaccino perché i rischi dovuti a infezione da COVID sono di molto superiori.ciaooo
Avatar utente
Corry
Messaggi: 1587
Iscritto il: 05/06/2014, 16:36

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da Corry »

Il mio cvd era semplicemente un esempio per confermare quello che avevo scritto qualche post fa. Cioè che molti sportivi professionisti, con fisici perfetti e seguiti dai migliori medici, dopo aver avuto il Covid da non vaccinati ci hanno messo parecchio, anche mesi, a ritornare in forma. Mentre quelli che lo prendono adesso subito dopo la quarantena tornano a praticare.
Non era una provocazione ma una semplice constatazione: se loro hanno avuto tutti sti problemi figuriamoci cosa potrebbe capitare ad uno come me che fisicamente è molto più debole e il medico lo vede se va bene una volta ogni tre anni.
Certamente il vaccino, come tutti i farmaci, potrà avere delle controindicazioni ma non credo, almeno in questo caso, che valga la pena correre il rischio di non farlo.
Pier 62 DT
Messaggi: 305
Iscritto il: 13/10/2014, 11:43

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da Pier 62 DT »

Martin parole sante. Stop.
Avatar utente
ensere
Messaggi: 251
Iscritto il: 10/01/2016, 15:48

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da ensere »

martin ha scritto:Questa è l'unica frase di cui bisogna tenere conto. Non ci si vaccina per proteggere si stesso (anche) ma soprattutto per proteggere la comunità e per debellare la trasmissibilità del virus.
Finalmente!
E aggiungo: ci si vaccina anche per evitare di intasare gli ospedali, che guarda caso in questo momento sono pieni in larga maggioranza di no-vax. Ciò impedisce ai pazienti con le altre patologie (che ricordiamolo, non sono miracolosamente scomparse), di accedere alle terapie.
Tutti gli altri discorsi sono puro egoismo.
hasta1977
Messaggi: 60
Iscritto il: 04/09/2017, 20:54
Località: Zola Predosa (Bo)

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da hasta1977 »

Personalmente concordo molto con Martin e Mirco.
I danni sociali ed economici(reali e presenti )creati da oramai 2 anni di covid meritano sicuramente il rischio (non certo) di correre qlc controindicazione di un farmaco aka il vaccino
Da padre posso dire che i danni psicologi e sociali subiti dai miei ragazzi adolescenti a causa di centinaia di giorni di Dad, quarantene ,tamponi,mancanza di sport non mi lasciano dubbi; dobbiamo uscirne il più velocemente possibile e dobbiamo farlo specialmente per responsabilità verso le nuove generazioni .
Qs il mio pensiero
Ciao a tutti
portnoy
Messaggi: 530
Iscritto il: 04/12/2015, 20:32

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da portnoy »

biglux ha scritto:
portnoy ha scritto:
biglux ha scritto:
Per il momento sono incazzato nero, perché per una massa di ignoranti si rischia di ritornare alle chiusure che si pensava fossero solo un ricordo da tramandare ai nipoti… :evil:
Gli ignoranti stanno ovunque, tra gli integralisti no e pro vax.

Le chiusure non piacciono a quasi nessuno (anche se personalmente ci ho trovato risvolti positivi), ma, in assenza di una tanto auspicabile quanto impossibile autodisciplina, sono state di fatto l'unico mezzo che ha risolto senza controindicazioni dirette le situazioni più difficili, le quali, mi riferisco a quanto successo in provincia di Bergamo, si sarebbero potute probabilmente evitare chiudendo quando si era in tempo e già si era consapevoli della situazione.
Ma il dio denaro ha la precedenza sulla vita delle persone, senza dubbio sacrificabili, quindi avanti tutta.
C'è un'inchiesta in corso, non ci conto, ma è già qualcosa.
Ovvio che non si può stare chiusi a tempo indeterminato, altrettanto ovvio sarebbe farsi qualche domanda sulla sostenibilità di uno stile di vita iperconsumista e distruttivo.
portnoy
Messaggi: 530
Iscritto il: 04/12/2015, 20:32

Re: Vaccino e allenamenti

Messaggio da portnoy »

Corry ha scritto:
portnoy ha scritto:
biglux ha scritto:Nel mio ospedale il 75% dei ricoverati per Covid-19 sono no-vax, il rimanente sono vaccinati quasi tutti in scadenti condizioni di salute…fatevi due conti.
Sono percentuali sicuramente corrette, e rispecchiano quelle riportate da tutte le Asl, punticino in più o in meno il concetto non cambia.

Io me li faccio i due conti, ma vorrei farli il meglio possibile, dunque vorrei avere un altro paio di dati, penso fondamentali per poi fare valutazioni un pò affidabili, ovvero :

- non vaccinati che non si infettano.
- non vaccinati che guariscono spontaneamente.


In assenza di questi, non si può affermare in buona fede di avere un quadro (relativamente) completo della situazione.
Non vaccinati che non si infettano ce ne sono sicuramente. Come quelli che non prendono mai l’influenza ad esempio. Io ad esempio da quando corro, dopo il primo anno in cui ero sempre mezzo malaticcio, praticamente non la prendo più. Ma con sto coso non voglio rischiare perché, e rispondo alla tua seconda domanda, anche per chi guarisce spontaneamente non si conoscono a fondo quali possano essere gli effetti collaterali. Molti atleti che l’hanno fatto in modo leggero hanno poi avuto strani infortuni oppure ci hanno messo mesi per tornare in forma. E ti parlo di professionisti seguiti giornalmente dai migliori medici.
Certo che ci sono non vaccinati che per vari motivi non si infettano o si infettano con poche/nulle conseguenze, ma se ne parla poco, non sono utili al business dei vaccini.
Che fare sport sia molto benefico si sa, ma anche qui non è funzionale, non si vendono più vaccini.
Neppure gli effetti collaterali, soprattutto futuri, dei vaccini sono noti, quindi per ridurre il rischio non mi vaccino, ma contestualmento resto prudente, accetto qualche sacrificio, ma preferisco la via naturale.
Poi si parla di multidosi, inoculandosi sostanze che restano, mentre l'effetto svanisce.
Mi chiedo quanto un corpo umano può resistere ad una tale aggressione di cui, al momento, non si prevede un termine.
Nel frattempo spero che si trovino sistemi alternativi al vaccino con un migliore rapporto rischio/beneficio.
Per es, Aids/Hiv ha da tempo più vaccini, funzionano, ma hanno un rapporto rischio/beneficio considerato inaccettabile.
Però è un virus con modalità di contagio molto più gestibili, e contestualmente si sono trovate cure che permettono di vivere, non benissimo, ma non si muore, se ci si cura.
Ovviamente la soluzione migliore è, come sempre, la prevenzione, e per Covid penso che sia la stessa cosa.
Rispondi