MONEGLIA – LEVANTO DOVE IL MARE È PIU’ BLU

Testo: Maurizio Scilla


Distanza: 20 km
Dislivello: 1000 m+
Punto più alto: 327 m
Tempo stimato: 5 ore camminata / corsa in discesa
Punto di partenza: Moneglia (Ge)
Punto di arrivo: Levanto  (Sp)
In auto: dall’uscita autostradale A12 di Carrodano prendere in direzione di Levanto, in circa 25 km si raggiunge la stazione del paese dove si trovano ampi parcheggi a pagamento (munirsi di monete). Da Levanto ci si sposta in treno fino a Moneglia, in media ogni ora c’è un treno.

 

1 bonassola Credits marco piana

 

Materiale

In pratica in ogni paesino che si attraversa c’è una fontana funzionante, quindi solo nei mesi caldi possono servire 2 borracce. Nelle località di mare, tutte molto belle e colorate, si può trovare ogni genere di necessità.
Se percorrete il tracciato nei mesi estivi, non dimenticate il costume da bagno.

Segnaletica

Il tracciato percorre il Sentiero Verde Azzurro Ligure, segnalato con bollini verdi azzurri e la scritta VAL, alterna tratti ripidi e impegnativi con tratti corribili su sterrate e asfalto.
Molte info utili si trovano su: http://www.verdeazzurroligure.com/verdeazzurro.htm

Extra

Se avete due giorni da giocarvi, potete sfruttare il secondo per un percorso classico, quello da Riomaggiore a Levanto (24 km 1400 m+), da non affrontare nei giorni di punta per troppo traffico.

 

4 (c)mau scilla (5)

 

MONEGLIA - DEIVA MARINA


Dalla stazione ferroviaria di Moneglia si procede in direzione mare fino alla foce del torrente Bisagno, si prende la strada che lo costeggia verso monte per un centinaio di metri per prendere poi a destra su un ponte. Una bella scalinata ci fa prendere quota rapidamente, dopo aver percorso un tratto asfaltato, un’altra ripida scalinata ci porta al paese di Lemeglio (187 m), caratterizzato dalle case colorate e dalla chiesa a fasce bianche e nere, da qui si gode di un bellissimo panorama su Moneglia e sul suo promontorio.
Si prosegue su sentiero tra i campi per infilarsi in salita nella lecceta e godersi l’ombra, si arriva così alla località San Pantaleo, Cima Coppi di giornata con i suoi 325 m.
Qui bisogna prendere verso Castagnola, la discesa su sentiero nel bosco è abbastanza impegnativa, si trasforma poi in sterrata e infine in cementata con forti pendenze raggiungendo Deiva Marina, qui proseguiamo fino a raggiungere la foce del torrente.

 

2 c5a71383 c5e7 44e2 bab5 ea2d8fbf7216

 

DEIVA MARINA - FRAMURA

Passato il ponte lo risaliamo fino a prendere poi a destra e poco dopo iniziare una faticosa salita nel bosco, in 1,3 km si guadagnano 300 m. Il tratto seguente è su sterrata con alcuni km in falsopiano immersi nel silenzio assoluto e con l’azzurro del mare a farci compagnia, poi si va su asfalto, ma sono strade  pochissimo trafficate. Raggiungiamo Setta, frazione di Framura, ci infiliamo nei suoi viottoli  e scendiamo in direzione di Anzo per poi proseguire verso la stazione.

 

FRAMURA -  BONASSOLA

Questo è decisamente il tratto più bello di tutto l’itinerario, le viste sul mare blu cobalto sono a dir poco spettacolari. Poco sopra la stazione si trovano le indicazioni per Bonassola, si percorre una strada in salita con forte pendenza ma sempre vista mare per imboccare poi un sentiero che  sale a scalini, con viste che alternano calette e insenature, in mezzo ai pini marittimi e che porta poi a un punto panoramico. Si arriva quindi nella frescura della boscosa Valle di Lame, con il torrentello omonimo che forma piccole cascate per raggiungere poi Salice (205 m).
Si raggiunge poi la Sella di Carpaneggio (132 m), dalla quale con una deviazione si arriva alla Spiaggia di Sca, punto panoramico, con una grotta scavata dal mare.
Altra deviazione da non perdere è quella per il Salto della Lepre (135 m), qui la vista spazia da Punta Manara al Promontorio di Portofino. Una sterrata prima e una asfaltata poi ci portano a Bonassola.

 

BONASSOLA – LEVANTO

Dopo aver percorso gran parte della passeggiata, si svolta verso l’interno seguendo i bollini biancorossi, per imboccare poi una pedonale sulla destra e risalire tra le villette, per proseguire poi su sentiero, incrociare la pedonale che abbandoniamo poco dopo per raggiungere Scernio con viste prima sul Golfo di Portofino e poi su Levanto e Punta Mesco. Qui inizia la discesa che porta al lungomare di Levanto e da qui si raggiunge la stazione.

Archivio